Rugby, successo del Trofeo “Fabrizio Meoni Africa Cup”

CITTA’ DI CASTELLO – È finita con il punteggio di 12-49 l’amichevole tra la selezione regionale dell’Umbria contro la nazionale della Tunisia, disputata sabato pomeriggio presso l’impianto sportivo della società situato in via Gino Bartali a Città di Castello, in provincia di Perugia. La partita gratuita era valida per la prima edizione del Trofeo “Fabrizio Meoni Africa Cup”, la manifestazione organizzata dal Rugby Città di Castello con il patrocinio della Regione Umbria, del Comune di Città di Castello, della Federazione Italiana Rugby e della Fondazione Fabrizio Meoni.

L’evento di sabato aveva una doppia importanza in quanto è stata la prima volta che una squadra nazionale ha giocato in Umbria e la prima che ha previsto un allestimento di una selezione regionale composta dai migliori giocatori con alla guida Luca Martin, allenatore della Barton Cus Perugia serie A, e David Watson, allenatore del Città di Castello Rugby. Tutti i convocati hanno giocato.

Per la linea dei 3/4 erano presenti: Alessandro Corbucci, Girolamo Gallasso, Davide Gioè, Federico Casini, Francesco Giorgini, Tomaso Battistacci, Nicolo Lammana, Andrea Monicchi, Eugenio Bellezza, Federico Masilla. In mischia: Gabriele Macchioni, Gianclaudio Sampalmieri, Emanuele Guerrini, Alessandro Di Vito, Andrea Spitalceri, Fabio Ciotti, Nicola Pedrazzini (capitano), Lorenzo Giorni, Luca Taraddei, Riccardo Bettucci, Marco Novelli, Alessio Battini, Jacapo Cannulli, Mattia Sbrancia. Gli autori dei punti realizzati dalla selezione sono stati Pedrazzani, che ha fatto una meta mentre l’altra è stata tecnica, di cui una trasformata da Gioè.

«Anche se la pioggia non ci ha aiutato – ha detto Mauro Bacinelli del Rugby Città di Castello – è stata una bella manifestazione, con molte persone presenti. Si è anche vista una partita di buon livello. È stata una bella cosa vedere giocatori di tutte le società umbre insieme. È stato un bel manifesto per il rugby regionale».

Oltre all’aspetto sportivo, la manifestazione aveva anche una valenza sociale importante, in quanto i fondi raccolti verranno destinati alla Fondazione Fabrizio Meoni, nata in ricordo del campione di motociclismo morto durante una Parigi-Dakar, che si occupa di opere a sostegno delle popolazioni africane.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*