Rugby, il presidente federale Alfredo Gavazzi in Umbria

Il rugby italiano negli ultimi 4 anni ha registrato un incremento dei tesserati del 13,5%

Da sx Egiziano Polenzani, Alfredo Gavazzi, Antonio Luisi

Anche quest’anno Alfredo Gavazzi, presidente della Federazione Italiana Rugby (Fir), ha fatto visita alle società umbre nel proprio percorso di aggiornamento del territorio sulle iniziative ed i progetti di Fir sviluppati nel corso degli ultimi mesi. All’incontro, che si è svolto giovedì primo settembre presso il Relais San Clemente di Bosco (Perugia), erano presenti anche Egiziano Polenzani, presidente del comitato Fir Umbria, ed Antonio Luisi, vice presidente Fir.

Ad aprire l’iniziativa è stato Polenzani che ha ricordato che grazie a “questo consiglio federale dopo 40 anni ci è stata riconosciuta la dignità di Comitato equiparandoci agli altri, pur essendo la nostra una piccola regione. È un titolo di merito che posso portare”. Polenzani ha poi ricordato che a breve terminerà il quadriennio olimpico e in tutte le federazioni ci saranno le elezioni per il rinnovo delle cariche.

Subito dopo il presidente Alfredo Gavazzi ha aggiornato i presenti sulle iniziative intraprese dalla Federazione nell’ultimo anno. Ha sottolineato, inoltre, la situazione del rugby in Italia (i tesserati sono cresciuti del 13,5% negli ultimi 4 anni) e di come si stia puntando alla formazione degli allenatori, dei tecnici e dei giovani giocatori. Molte le novità in vista anche nei campionati con lo sviluppo delle categorie amatoriali e riserve. Gavazzi ha ricordato, infine, che prosegue con successo il progetto rugby nelle carceri (è stato il primo sport ad essere fatto dai detenuti) e ha parlato dell’introduzione del rugby in carrozzina.

A margine dell’incontro si è aperto un dibattito, molto partecipato, con i rappresentanti dei Club umbri sulle tematiche di attualità rugbistica locale.

Un momento dell'incontro con il presidente Alfredo Gavazzi
Un momento dell’incontro con il presidente Alfredo Gavazzi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*