Rugby Perugia: Alessio Fioroni è il nuovo presidente della società

il presidente Alessio Fioroni

Alessio Fioronidi Luana Pioppi

(umbriajournal.com) PERUGIA – Alessio Fioroni è il nuovo presidente del Rugby Perugia Asd, la società capofila che gestisce il Club Cus Rugby Perugia con tutte le sue squadre: dalla prima, che milita in serie B, al minirugby passando per il femminile e il settore giovanile. Fioroni, già vice presidente e delegato alle squadre seniores, succede a Federico Baldinelli, in carica dal 2000.

«Mi muoverò – dichiara Alessio Fioroni – nel solco della continuità, rispetto a quanto di buono è stato fatto fino adesso. Saranno poi necessarie quelle modifiche strutturali ed organizzative atte a rendere la gestione di un Club articolato, come quello del Rugby Perugia, il più possibile snella ed agevole. In questo sarò, ovviamente, aiutato da tutte quelle persone con le quali ho sempre collaborato fino ad ora».

La responsabilità delle squadre Seniores, iscritte ai campionati di serie B e C, e dell’Under 20 passerà al team manager Federico Bevilacqua.

La società comunica, inoltre, che la nuova dirigenza ha chiesto alla Federazione Italiana Rugby, per quanto concerne la prima squadra (vincitrice del girone 2 del campionato di serie B e sconfitta ai playoff dal Cus Genova), il ripescaggio in A, viste alcune mancate iscrizioni di società aventi diritto. Le probabilità che questa richiesta abbia esito positivo sono molto ridotte essendoci altre realtà che si sono meglio piazzate nel ranking delle possibili sostitute. Resta quasi certo, quindi, l’inserimento del Cus Perugia nel girone 2 del campionato nazionale di serie B. Si tratterebbe della decima stagione consecutiva.

«La richiesta di ripescaggio – sottolinea infine il nuovo presidente – era un atto dovuto da parte nostra, consapevoli della reale difficoltà che ciò potesse realizzarsi. Sarà, quindi, quasi certa la partecipazione del Cus Rugby Perugia alla serie B. Vorrà dire che sarà nostra cura cercare di disputare un campionato all’altezza di quello dell’anno scorso e di conquistare la promozione direttamente sul campo».

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*