Rugby Gubbio: Federico Angeloni si unisce alla formazione rossoblù

Federico Angeloni
Federico Angeloni
Federico Angeloni

(umbriajournal.com) GUBBIO – Nuovi acquisti per l’Associazione Rugby Gubbio 1984. Federico Angeloni, classe 1980, atleta di rilevanza, già militante tra le fila delle migliori società sportive d’Italia, approda per questa stagione sportiva al campo di Coppiolo. La città dei Ceri potrà foggiarsi quindi di una grande presenza, uno dei nomi più importanti nel panorama rugbistico nazionale. Federico ha iniziato il contatto con la palla ovale a 14 anni, chiamato a “sperimentare un nuovo sport” dagli amici, ed ha poi continuato a militare in tutte le categorie, dalla under 16 alla under 21, fino ad approdare nella Nazionale A. grande professionalità ed estrema passione ne hanno fatto un vero e proprio “campione”, anche se preferisce non essere etichettato, da buon sportivo qual è. Una figura positiva, un ragazzo giovane, talentuoso e molto umile e disponibile. Un’importante carriera nell’attività sportiva, ma non solo: Federico è anche laureato in Filosofia dei processi comunicativi. La comunicazione è proprio il punto forte di questo ragazzo, gran comunicatore con gli atleti di livello, con i tecnici e con i giovani sportivi. Da quest’anno ha anche il patentino come allenatore di primo livello. Forte della grande esperienza come sportivo e delle doti da comunicatore, Angeloni è un ottimo acquisto per il Rugby Gubbio. Giocherà nella Prima squadra, ma soprattutto ricoprirà l’importante incarico di allenatore ed educatore per i giovani e giovanissimi del Mini rugby Gubbio. Ha già dato prova di abilità e qualità tecnico-sportive domenica scorsa contro il Cus Siena, e già è pronto per affrontare, con i rossoblù, altre formazioni di categoria C a Falconara sabato 21 settembre. Capacità di relazionarsi, volontà di crescere e disponibilità al confronto sono i cardini della sua preparazione, una formazione atletica ed umana a 360°. Step by step grazie al nuovo rossoblù il team punta a crescere, tecnicamente ed umanamente, in particolare curando l’aspetto atletico e tecnico. Valori positivi e grande carisma per il giovane trentenne. “Un investimento a lungo termine”, così si definisce Angeloni. L’associazione Sportiva Rugby Gubbio 1984 punta a crescere, di preparazione e di livello. Una crescita reale, di prestanza e valori, grazie soprattutto all’apporto positivo dell’esperienza del giovane aquilano. “Il Rugby è uno sport che forma, fisicamente, professionalmente ma soprattutto caratterialmente, fornisce una serie di valori e regole che sono validi in generale nella vita, è stato un grande insegnamento. Invito i giovani a provare questo sport, che non è solo uno sport, richiede impegno, costanza, sacrificio ma soprattutto una grande passione, tanta voglia di sperimentare e mettersi in gioco, è un misurarsi con se stessi. Per fortuna qui ho la possibilità di stare a contatto con un’Associazione, questa è la parte migliore del Rugby, l’associazionismo, la passione che non diventa regola, che non viene istituzionalizzata e mirata solo al guadagno. Questi giovani possono dare tanto e il lavoro che faremo sarà orientato proprio a questo, a crescere, insieme, nel campo e fuori dal campo”.
Federico ha avuto a sua volta dei grandi nomi come maestri: è stato allenato dai grandi Massimo Mascioletti, vero cardine e punto di forza nella vita e professione del rugby, e da Mike Brewey, milite di forza degli All Blacks, che ha saputo portare in Italia i sani valori e principi dello sport buono e fatto bene, con passione ed onore, valori già ispirati ai rossoblù durante il periodo di allenamento con Joe Mcdonnell.
Il curriculum di Angeloni: 1997 – 2003 nell’Aquila Rugby, 2003 – 2005 Viadana, 2005 – 2007 Rovigo, 2007 – 2008 Colorno Rugby, 2008 – 2009 Parma e nel 2009 – 2010 ha fatto ritorno in terra natia tra le fila di nuovo dell’Aquila. È stato anche allenatore del Gran Sasso, tra gli atri team, prima di arrivare a Gubbio.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*