Rugby donne, prima vittoria stagionale delle Donne Etrusche

Donne Etrusche_foto Capecchi
Donne Etrusche_foto Capecchi

PERUGIA – Primo successo stagionale per le Donne Etrusche, la franchigia nata dai settori femminili del Cus Rugby Perugia e del Cortona. Hanno vinto sul campo di Pian di Massiano contro le Belve Neroverdi L’Aquila, nel match valido per la sesta giornata del campionato nazionale di rugby femminile di serie A (girone 2), dopo aver chiuso il primo tempo sotto di 10 punti (5-15). Un risultato che dimostra che la squadra sta crescendo di partita in partita, che finalmente sta vedendo i frutti del lavoro svolto sotto la guida di Villanacci e Battistelli. Un grosso merito va alle ragazze che hanno sempre creduto fino in fondo nelle proprie capacità non dandosi per vinte e recuperando nel secondo tempo gli errori fatti nel primo. Da evidenziare il rientro di Castellini, grande bandiera del rugby perugino, che contro L’Aquila ha trasmesso la sua esperienza a tutte le giocatrici in campo, e della presenza delle ragazze di Siena, che si sono rese disponibili per il campionato.

«È stata una bellissima partita – ha dichiarato a fine match Roberto Cirimbilli, presidente delle Donne Etrusche – anche se primo tempo abbiamo un po’ subito il gioco delle avversarie. Ma poi, nella ripresa, abbiamo recuperato e siamo state sempre avanti. Questa è stata la prima partita vinta nel campionato di serie A. È un passo importante. Siamo molto soddisfatti».

Le Donne Etrusche torneranno in campo prossima domenica a Terni per affrontare l’Umbria Rugby Ragazze per il primo derby stagionale.

 

Donne Etrusche – Belve Neroverdi L’Aquila 24-20

Donne Etrusche: Mastroforti, Borghesi, Barilari, Bianchi,  Zuchegna (Pellicani), Castellini, Pagani, Keller, Isolani, Bettarelli, Roggi, Rossini, Massini (Bartolozzi), Di Renzo, Meazzini. A disp.: D’Uva, Al Majali, Pinto, Pellicani, Fattorini, Ucci, Bartolozzi, lanini. All.: Villanacci, Battistelli.

Punti Donne – Mete: 2 Keller, Borghesi, Bianchi. Trasformazione: 2 Bianchi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*