Riscatto della Vittoria Assicurazioni Perugia a Magione

Fiorucci Simona(UJ.com3.0) MAGIONE – Torna a fare bottino pieno la Vittoria Assicurazioni Perugia e dopo un lungo digiuno incamera i tre punti, a farne le spese una volonterosa Avis Magione che ci ha messo il cuore ma nonostante ciò ha dovuto soccombere alla grande voglia di riscatto delle biancorosse.La partita inizia come da pronostico, le assicuratrici vogliose di riscatto impongono fin dalle prime battute un buon ritmo al match, scavando un solco di quattro punti che riescono a difendere agevolmente, inaspettatamente però le locali con una reazione veemente riescono da prima ad annullare il gap e successivamente a sorpassare le ospiti che impietrite assistono alla trasformazione del set-ball che vale l’uno a zero.

Il secondo set comincia con le perugine sotto choc per l’epilogo precedente ed entrano in campo ancora più contratte, regalando alle avversarie una serie di punti su errori grossolani, coach Marconi è costretto a richiamare le sue atlete con uno dei time-out a disposizione ed al rientro in campo le direttive impartite sembrano sortire l’effetto desiderato, lentamente le ospiti iniziano a carburare, il gioco diventa più fluido, la difesa efficace e l’attacco inizia a comandare in lungo ed in largo gettando nello scompiglio le avversarie, che da questo momento in poi svaniscono dal parquet. I rimanenti due set sono un monologo delle assicuratrici che, ritrovata la giusta concentrazione, spingono nell’angolo le magionesi incapaci di riorganizzarsi e costrette alla resa definitiva.

 

AVIS MAGIONE – VITTORIA ASSICURAZIONI PERUGIA = 1-3

(25-23, 17-25, 17-25, 7-25)

MAGIONE: Orsini 12, Castellini 11, Travaglini 7, Nucciarelli 7, Alessandrini 2, Cardinali 4, Favilli (L1), Baldoni 1, Bertinelli. N.E. – Dottori, Lustri (L2). All. Silvia Tamburi.

PERUGIA: Fiorucci 16, Truffarelli 15, Vergoni 14, Grasselli 7, Ponti B. 5, Ponti F. 2, Capponi Brunetti (L), Cherubini 4, Di Matteo. N.E. – Salvatore, Pausini. All. Enrico Marconi.

Arbitro: Rosa Gessone.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*