PONTE VALLECEPPI: VALDICEPPO DEVE ARRENDERSI, FORTITUDO TROPPO FORTE

Francesco Santantonio
Francesco Santantonio
Francesco Santantonio

(umbriajournal.com) PONTE VALLECEPPI – Secondo appuntamento di prestigio per i ragazzi della Valdiceppo, impegnati sabato 14 Settembre alle ore 17 a Bologna contro il blasone di una Fortitudo intenzionata, partendo dalla serie B, a tornare nellapallacanestro che conta. Per i ponteggiani era il secondo appuntamento in due giorni, dopo la prova incoraggiante contro l’esperta formazione di Monsummano. Ma il test questa volta si è subito rivelato proibitivo per il livello tecnico e l’intensità imposta dai felsinei. In campo due vecchie conoscenze del basket perugino: il playmaker Mattia Caroldi, che ha dispensato saggezza in regia, e il lungo De Min, che invece ha mostrato proprietà di movimenti e mano morbida dalla posizione di post basso.

Per Casuscelli e compagni, invece, quintetto leggero con Orlandi da 4 e il solo Ramenghi sotto le plance, un assetto che paga nei primi minuti quando il penetra e scarica è efficace, ma che evidenzia maggiori difficoltà quando l’intensità difensiva è meno elevata e la palla arriva con troppa continuità sotto canestro, dove la fisicità di Spizzichini si fa sentire. Al resto ci pensa un Venturelli ispirato sia nelle giocate 1c1 che nelle conclusioni dal perimetro.

La Valdiceppo comunque ci prova, mostra un Meschini in crescita e un Santantonio solido, nonostante qualche errore di troppo, mentre Casuscelli e Burini pasticciano un po’ nella gestione della palla.
Qualche problema anche per Rath, che subisce un paio di contatti duri, ma al rientro è più convincete ed autore di un paio di buone conclusioni in transizione. Il quarto migliore per i ponteggiani arriva dopo l’intervallo, quando i bianco-blu sembrano aver preso le misure soprattuto in difesa ai più esperti avversari (14-18 il parziale finale) ma in conclusione della
gara, quando la spia dell’energia comincia a lampeggiare, il divario torna importante.

“Ringraziamo coach Toto Tinti e la Fortutudo per l’ospitalità” il commento di coach Traino “per noi è stata un bella opportunità di stare insieme due giorni per conoscerci meglio e per confrontarci con un livello di difficoltà che non conoscevamo. Abbiamo avuto qualche momento positivo, ma ci siamo invece smarriti quando le cose in campo di sono complicate, segno che c’è ancora tanto da lavorare e non solo sul piano fisico-atletico”.Per i ponteggiani si prepara un’altra settimana intensa di allenamenti, con doppia seduta martedì e giovedì, prima della grande festa di Sabato 21, quando nel corso dei BA Preseason Games incontreranno in un
triangolare da non perdere la Ponte Vecchio e la UBS di Foligno.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*