Perugia volley A1, serata internazionale di gala per Goran Vujevic

PERUGIA – Serata internazionale di gala per Goran Vujevic, per quattro stagioni capitano e uomo simbolo della Sir Safety Perugia ed fresco direttore sportivo della società del presidente Sirci.
Ieri sera a Vienna, presso lo splendido scenario della residenza imperiale degli Asburgo in occasione dei sorteggi della Champions League, lo storico numero 13 bianconero è stato omaggiato dalla Cev, la federazione europea di pallavolo, con un premio alla carriera, il “Volleyball Lifetime Achievement Award”.
La classica e sacrosanta ciliegina sulla torta di una carriera pluriventennale del campione serbo-perugino che ha deciso, a quarantadue anni e dopo aver strabiliato le platee di tutto il mondo e soprattutto quella del PalaEvangelisti, di appendere le ginocchiere al chiodo per intraprendere una nuova vita “dietro la scrivania”, ma sempre al fianco dei Block Devils.
A margine del sorteggio dell’edizione 2016 della Champions League, la Cev ha deciso quindi di omaggiare alcune delle stelle più luminose del firmamento pallavolistico mondiale e Goran Vujevic era in ottima compagnia sul palco insieme al tedesco Schöps, alla russa Sokolova, al polacco Wlazly, alla croata Poljak ed a Eleonora Lo Bianco, meravigliosa regista italiana.
Un modo per dare il giusto proscenio ai grandi protagonisti del taraflex internazionale ed anche per celebrare non solo i successi sportivi conseguiti, ma anche il ruolo di ispirazione di questi campioni verso migliaia di ragazzi e ragazze che giocano a pallavolo in tutta Europa e che sognano di seguire le orme dei propri beniamini.
E tra questi, logica conseguenza di una vita sportiva spesa nei palazzetti di tutto il mondo dispensando classe cristallina e fair play, Goran Vujevic. Per il quale, più di tanti commenti, parlano le parole usate proprio dalla Cev:
“Membro della “generazione d’oro” della Jugoslavia, Goran Vujevic è campione olimpico ai Giochi del 2000 a Sydney, medaglia di bronzo alle Olimpiadi del 1996 ad Atlanta e campione europeo nell’edizione 2001 a Ostrava. Il suo curriculum comprende molti altri allori tra cui quattro medaglie, due d’argento e due di bronzo, alle Finali World League, una medaglia d’argento al Campionato del Mondo in Giappone del 1998, dove ha ricevuto il premio per il miglior servizio della manifestazione, ed altre tre medaglie agli Europei per un totale di sedici podi nelle competizioni internazionali. A quarantadue anni, Vujevic ha giocato la scorsa stagione con la Sir Safety Perugia che, esordiente nella CEV DenizBank Champions League, ha raggiunto i playoff 6, mancando di un soffio l’accesso alla Final Four del torneo. Al termine della stagione 2014-2015, ha annunciato il suo ritiro dalla pallavolo agonistica ed ha assunto ruolo di Direttore Sportivo sempre nella Sir Safety Perugia”.
Ora per Vujevic inizia un’altra carriera, fuori dal rettangolo di gioco, ma sempre nel suo mondo, quello della grande pallavolo. E sempre con due colori sul petto: il bianco ed il nero della Sir Safety Perugia!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*