Perugia vince il derby, Altotevere lotta per due set ma soccombe

Come all’andata la Sir Safety s’impone sull’Altotevere nel derby umbro di SuperLega. I perugini di Grbic vincono e raggiungono la matematica certezza del quarto posto, per l’Altotevere due buoni set, il secondo e il terzo, nei quali la squadra è stata spesso vicina ai più quotati avversari.

In avvio nel sestetto perugino non ci sono novità perché Grbic non vuol far perdere ai suoi il ritmo partita in vista degli imminenti play off mentre Fausto Polidori manda in campo Kaszap e Teppan al posto di Corvetta e Maric che si sono allenati poco in settimana per problemi fisici.
Agnits serve il primo pallone del derby, l’ex Fromm va a segno con attacco e muro per il 2-0, due siluri di Randazzo portano l’Altotevere sul 2-2. Ancora Fromm e Vujevic creano il primo break (6-3) che costringe Polidori a fermare il gioco, soprattutto per non mandare in serie il servizio del tedesco. Il muro di De Cecco sull’ex Della Lunga porta il punteggio sul 9-3 mentre in campo Altotevere non riesce praticamente nulla. Sull’11-3 coach Polidori toglie Teppan e getta nelle mischia Maric.

Beretta mette out l’11-4, il pallonetto di De Cecco manda le due squadre alla sosta sul 12-4. Dopo un muro su Atanasijevic, il giocatore serbo sigla il 15-8 con un bel lungolinea che accorcia le distanze per poco perché poi l’opposto perugino chiude l’attacco del 18-9. Lo stesso Maric riporta a meno 7 l’Altotevere con un bel pallonetto poi Kaszap spreca tutto con un tentativo di attacco che va fuori nettamente. Ed allora la Sir riparte con Atanasijevic e Beretta (21-11). Maric attacca comunque con buona continuità, la palla fuori di Randazzo dà il 25-14 in un primo set nel quale l’Altotevere ha sbagliato sette battute e quattro attacchi.

Il secondo set inizia con Barone al posto di Buti e con l’ace di Vujevic, pareggiato dai punti di Mazzone e Maric (3-3). Il primo vantaggio dell’Altotevere è firmato dal muro di Aganits su Beretta (5-4), vantaggio che dura poco a causa dei punti di Beretta e Barone (7-5, time out Polidori). Alla sosta di metà set la Sir Safety ha preso quattro punti di vantaggio (12-8) che diventano sei sul turno al servizio di Atanasijevic (15-9). Anche Perugia sbaglia qualcosa con De Cecco e Giovi in ricezione (16-12), l’Altotevere è più in partita soprattutto perché la battuta biancorossa è più ficcante, anche se ugualmente fallosa (21-18). In generale in questa frazione, condotta sempre da Perugia, i biancorossi sono stati più in partita. Il errore dai nove metri di Della Lunga (il tredicesimo in totale in due set) dà il 2-0 ai padroni di casa.

All’inizio del terzo set l’Altotevere ha ancora un vantaggio (1-2), rimontato dall’ace di Fromm (4-3). Nuovo sorpasso biancorosso grazie al muro di Della Lunga su De Cecco e biancorossi sempre avanti di un punto grazie agli attacchi proprio dell’ex perugino e di Maric (8-9).

Un bel muro di Mazzone su Fromm dà il doppio vantaggio agli uomini di coach Polidori, superati poi dai blocks di Beretta e De Cecco (12-11 alla sosta tecnica). Kaszap riesce ad agguantare gli avversari con un ace su Fromm (14-14) ma due errori in attacco consentono alla Sir di tornare avanti di due (17-15, time out Polidori). Anche la Sir sbaglia in attacco e si va al time out di Grbic sul 18-18. Il punto a punto è rotto dalla rotazione di Atanasijevic in battuta e da un muro su Randazzo (21-19, time out Polidori). Fromm sigla tre punti in fila che in pratica mettono la parola fine al match, chiuso dall’ace dell’opposto serbo.

3-0
(25-14/25-21/25-19)
SIR SAFETY PERUGIA: De Cecco 5, Atanasijevic 12, Vujevic 5, Fromm 13, Beretta 5, Buti, Giovi (L), Fanuli (2L), Barone 7, Sunder, Maruotti. A disp.: Paolucci, Tzioumakas. All. Grbic.
ALTOTEVERE PALLAVOLO: Kaszap 1, Teppan, Della Lunga 8, Randazzo 5, Mazzone 6, Aganits 8, Tosi (L), Maric 10, Franceschini, Dolfo. A disp.: Baroti, Corvetta, Lensi (2L). All. Polidori.
Arbitri: Simone Santi (Pg) e Stefano Cesare (Rm)
Note: Perugia (b.v. 4, b.s. 9, muri 7, errori 5), Altotevere (b.v. 1, b.s. 15, muri 7, errori 8)

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*