Il Perugia vince 4-1 a Vicenza e regala un mezzo sorriso all’Umbria

La ripresa, iniziata sul 3-0 (e uomo in più), con ben quattro ammonizioni è costata troppo ai Grifoni almeno sotto il profilo disciplinare

La partita del Romeo Menti si è chiusa sul 4-1 per il Perugia sul Vicenza dell'ex Pierpaolo Bisoli
La partita del Romeo Menti si è chiusa sul 4-1 per il Perugia sul Vicenza dell'ex Pierpaolo Bisoli

Il Perugia vince 4-1 a Vicenza e regala un mezzo sorriso all’Umbria

da Marco De Ciuceis

In una giornata tragica per la nostra Regione, il Perugia è una delle poche formazioni umbre a disputare regolarmente la sua partita in quel di Vicenza e porta a casa anche un risultato più che rotondo con la sua vittoria per 4 reti a una.

I ragazzi di Bucchi riescono a regalare un sorriso a labbra strette a quanti abbiano avuto la voglia di seguire i biancorossi al Romeo Menti o dagli schermi televisivi.

A labbra strette per via del periodo che l’Umbria sta attraversando, ma anche per via di un secondo tempo sicuramente troppo sparagnino disputato dai Grifoni, solo parzialmente giustificabile dal 3-0 e uomo in più di fine primo tempo.

Quasi contemporanee le espulsioni dell’ex tecnico Pierpaolo Bisoli e di Giuseppe Rizzo negli ultimi minuti del primo parziale.

Poca cosa è apparso il Vicenza nel primo tempo, e forse troppo facile è stato chiudere il primo parziale sul tre a zero per i Grifoni, che hanno infilato la rete di Benussi con Brighi, prima, e con Dezi alla fine da pochi passi, mentre il secondo gol è scaturito da una sventola di sinistro di Di Chiara dai venti metri. A qual punto Bisoli per proteste e Rizzo per una manata a Dezi si sono fatti espellere in rapida successione.

Ai ragazzi di Bucchi, quindi, deve essere sembrato un gioco da ragazzi pilotare la partita verso la vittoria, ma una sfortunata deviazione di Belmonte ci mette  (è il caso di dire) lo zampino, e solo un bell’intervento di Rosati su una punizione di Bellomo diretta verso l’incrocio impedisce il 2 a 3, che avrebbe potuto riaprire i giochi a un quarto d’ora dalla fine del tempo regolare di gioco.

Fortunatamente il contropiede finalizzato da Samuel Di Carmine al 42’ chiude i giochi  sul 4-1 e fa smettere i tifosi, quanto meno, di fare gli scongiuri. Certo che una ripresa iniziata sul 3-0 (e uomo in più) e che poi ha portato alle ammonizioni di Mancini, Rosati, Monaco e Belmonte è costata troppo ai Grifoni almeno sotto il profilo disciplinare.

FORMAZIONI UFFICIALI

 Vicenza (4-3-1-2) Benussi; Pucino, Adejo (43′ Bogdan), Esposito, Zivkov; Rizzo, Urso, Siega; Bellomo; Di Piazza (69′ Giacomelli), Galano (45′ Signori). A disposizione. Vigorito, Fontanini, Smith, Orlando, Vita, Cernigoi. Allenatore: Pierpaolo Bisoli

Perugia (4-3-3) Rosati; Belmonte, Volta (45’ Mancini), Monaco, Di Chiara; Zebli, Brighi, Dezi (81′ Acampora); Guberti (74′ Bonaiuto), Di Carmine, Nicastro. A disposizione: Eleizaj, Chiosa, Imparato, Ricci, Drolè, Bianchi. Allenatore: Cristian Bucchi

Arbitro: Rosario Abisso di Palermo.

Collaboratori: Antonino Santoro e Oreste Muto di Torre Annunzata. Quarto uomo: Livio Marinelli di Tivoli.

Reti: 16′ Brighi, 27′ Di Chiara, 39′ Dezi
Ammoniti: Volta, Mancini, Monaco, Rosati, Belmonte (P), Adejo, Giacomelli, Bogdan, Esposito (V).

Espulsi: Bisoli 41’p.t., Rizzo 43’p.t.,
Angoli: 5 – 3
Recupero: 3 min. p.t.,  4 min. s.t.,


Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*