Perugia, premiata la Sir Safety Volley Under 14

VOLLEY(umbriajournal.com) PERUGIA – Soddisfazione e tanta gioia. Nella suggestiva Sala Rossa di Palazzo dei Priori a Perugia, oggi , l’assessore Ilio Liberati ha ricevuto e premiato la Sir Safety Volley under 14 del mister Andrea Piacentini per gli ottimi risultati ottenuti durante le Final Eight di Boy League. Nello scorso marzo, infatti, i giovanissimi sportivi della pallavolo hanno partecipato al campionato nazionale dedicato alle squadre giovanili delle serie A1 e A2, segnando un primato nella storia umbra. La squadra ha raggiunto l’ottavo posto di fronte al meglio del movimento giovanile italiano, ricevendo complimenti da parte dei tecnici e dalle squadre avversarie a cui i giovani di Piacentini hanno dato del filo da torcere.

“La Sir Volley Perugia – commenta l’assessore Ilio Liberati durante la premiazione – sta dando importanti soddisfazioni alla comunità sportiva cittadina e regionale per l’eccellente campionato di A1 che sta disputando a livello nazionale, tanto da giocare in questa fase i playoff scudetto. Altrettanto bene stanno facendo i ragazzi del settore giovanile. Mi sento di esprimere gratitudine e compiacimento a nome dell’Amministrazione comunale e della città per gli investimenti e l’impegno che la Società del Presidente Sirci ha messo in campo proprio a favore delle attività giovanili.

Sempre più devono essere consolidate le relazioni con Perugia e il suo territorio, e con le scuole, perché dietro tutto questo c’è, non solo un progetto sportivo, ma anche educativo, che noi vogliamo proseguire e rafforzare”. La rosa era composta da: Filippo De Angelis e Francesco Cardone (palleggiatori) Leon Luini Diego Donà Jacopo Bulletta Jacopo Gubbiotti (laterali) Lorenzo Paolini Gioele Burnelli (opposti) Davide Castellano Berti Junior Totaly Alessio Brunacci Tommaso Cicognola (centrali). Alle fasi di qualificazione hanno anche partecipato Luca Riccio e Antonio De Santis. Allenatore Andrea Piacentini e Dirigente Simone Cicognola.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*