Primi d'Italia

A Pasquetta il Perugia evita almeno di fare la fine dell’abbacchio, con l’Ascoli finisce 0-0

Ancora una brutta prestazione per i Grifoni, adesso la sfida di venerdì sera al Silvio Piola di Novara incomincia ad assomigliare a un vero e proprio spareggio

Perugia Ascoli è terminata con il punteggio di 0-0
Perugia Ascoli è terminata con il punteggio di 0-0

A Pasquetta il Perugia evita almeno di fare la fine dell’abbacchio, con l’Ascoli finisce 0-0

da Marco De Ciuceis

Prosegue la frenata paurosa del Grifo che nel “triduo” che l’avrebbe dovuto lanciare in orbita, Pisa e Ascoli in casa e trasferta a Trapani, mette insieme la miseria di due striminzitissimi punticini. La fortuna dei ragazzi di Bucchi è quella che la corsa ai play-off in questo momento sembra essersi trasformata in un gigantesco torneo di rovescino e quindi basta evitare i cappotti per continuare a reggersi a galla.

I biancorossi, infatti, nonostante i risultati e le prestazioni messe insieme dal secondo tempo dello scellerato pareggio casalingo contro il Pisa, si mantengono in piena corsa play-off, anche se adesso la sfida al Silvio Piola di Novara di venerdì sera incomincia ad assomigliare ad un vero e proprio spareggio, mentre con qualche punto in più la si sarebbe potuta affrontare con minor patema d’animo.

Timori che i Grifoni accendono proprio in virtù delle scialbe prestazioni messe in fila nelle ultime tre partite, con quella odierna che li ha visti sonnecchiare per tutta la prima frazione di gioco, nel corso della quale hanno saputo mettere insieme solo un tiro di una qualche pericolosità con Nicastro, mentre l’Ascoli è stato più ficcante con Favilli.

Nella ripresa, poi, dopo l’espulsione per il doppio giallo rimediato da Belmonte a cavallo dell’intervallo, tra la fine del primo e i primi minuti del secondo tempo, la decisione di Bucchi di buttare nella mischia Mustacchio al posto di Ricci, se ha consentito al primo di centrare una traversa da sotto porta, ha aperto nella retroguardia biancorossa dei varchi paurosi, che gli avanti ascolani non hanno saputo concretizzare, a discapito delle cinque occasioni da rete nitide messe insieme.

Alla fine Bucchi è sceso a più miti consigli e ha inserito Fazzi per Nicastro, capendo che nel lunedì di Pasquetta era molto meglio che il Perugia non facesse la fine dell’abbacchio, visto che la resurrezione era già stata fallita.

Formazioni ufficiali

Perugia: Brignoli, Monaco, Guberti (Terrani 26’s.t.), Ricci (Mustacchio 6’s.t.), Di Carmine, Dezi, Belmonte, Nicastro (Fazzi 30’s.t.), Mancini, Di Chiara, Brighi. A disposizione: Elezaj, Acampora,  Gnaoré, Dossena, Forte. Allenatore: Cristian Bucchi
Ascoli: Lanni, Augustyn (Gigliotti 30’s.t.), Mengoni, Bianchi, Carpani,  Giorgi, Orsolini (Addae 38’s.t.), Gatto (Bentivegna 21’s.t.), Favilli, Mignanelli, Almici. A disposizione: Ragni, Perez,  Lazzari, Cinaglia, Mogos, Slivka. Allenatore: Alfredo Aglietti
Arbitro: Daniele Marinelli della sezione di Roma 2
Assistenti: Pasquale Cangiano della sezione di Napoli e Giuseppe Opromolla della sezione di Salerno.
IV uomo: Matteo Marchetti della sezione di Ostia Lido.
Ammoniti: Belmonte 44’p.t., Belmonte 4’s.t., Bianchi 9’s.t., Brighi 34’s.t.,
Espulsi: Belmonte 4’s.t.,

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*