Pallavolo femminile, Perugia torna in serie A2 con la Tuum

La Lega ha accolto la richiesta di ammissione avanzata dalla società Wealth Planet. La squadra dalla prossima stagione si chiamerà Bartoccini Gioiellerie Perugia

(umbriajournal.com) by AVInews PERUGIA – Dopo anni di sacrifici, gioie e delusioni, con gli ultimi sette passati in B1 raggiungendo per ben tre volte i play-off nelle ultime quattro stagioni, finalmente la Tuum Perugia volley raggiunge il suo sogno, il sogno di un’intera città. Il risultato raggiunto la scorsa stagione ha messo la società in condizione di richiedere alla Lega l’ammissione al campionato di A2 femminile che l’ha accolta con una nota ufficiale.

I nostalgici perugini della pallavolo femminile ricorderanno che nel 1987, esattamente 30 anni fa, Perugia saliva per la prima volta in serie A nella pallavolo femminile, proprio quella Perugia che poi ha conquistato il mondo con le schiacciate del volley rosa targato Sirio Pallavolo. “Sarebbe ingiusto – commentano dalla Wealth Planet – paragonarci a una società che ha vinto tantissimo e tutto, ma noi che come voi eravamo li a tifare le nostre beniamine, oggi possiamo dire di aver riportato Perugia dove merita. Tutto questo è stato principalmente possibile grazie all’impegno, alla dedizione e al sacrificio di uno staff che ci ha messo il cuore ancor prima della professionalità e che negli anni è riuscito a creare tutto quello che stiamo brevemente raccontando, credendo in questo progetto e realizzandolo con la passione e l’amore per questa città e questa maglia”.

La prossima stagione la squadra avrà un nuovo main sponsor, e scenderà  in campo con il nome Bartoccini Gioiellerie Perugia. La Wealth Planet ringrazia la Tuum Gioielli di San Giustino per il sostegno dato alla squadra negli ultimi due anni.

Dopo trenta anni dalla prima volta Perugia tornerà in serie A. È proprio vero che la storia si ripete sempre e chissà che non possa regalarci ancora nuovi sogni. Forza vecchio cuore bianco rosso.
Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*