Mountain bike, San Gemini, la 13esima Granfondo dell’Antica Carsulae

MOUNTAIN BIKESAN GEMINI – Domenica 6 aprile i riflettori saranno puntati tutti su San Gemini (TR).
Si correrà infatti la 13ª edizione della Granfondo dell’Antica Carsulae – Memorial Luigi Alpini, la grande classica della mtb, che torna per la gioia di tutti i veri appassionati delle ruote grasse.
La GF dell’Antica Carsuale, al di là del suo alto valore sportivo, regalerà ai tanti biker attesi e ai loro accompagnatori l’occasione di conoscere un territorio straordinario, ricco di storia, di cultura e di bellezze paesaggistiche mozzafiato.
Il percorso si snoda lungo il comprensorio ternano dei monti Martani per una lunghezza di 50 km ed un dislivello totale di 1.650 metri. San Gemini è un comune di 5.033 abitanti della provincia di Terni e fa parte del club dei “Borghi più belli d’Italia” e di “CittàSlow”.
Celebre per le terme e l’omonima marca di acqua minerale, San Gemini è notevole soprattutto per la bellezza del centro storico, ben conservato e caratterizzato da morfologia e aspetto tipicamente medievali. Il centro abitato sorge sui ruderi di un piccolo insediamento di epoca romana, lungo il tracciato dell’anticavia Flaminia. I resti di un altro centro abitato romano, Carsulae, si trovano invece a circa 4 km di distanza in direzione nord. Tra i principali edifici di interesse storico-artistico si segnalano: la chiesa di San Nicolò, collocata a ridosso del centro storico, la quale costituisce uno dei più significativi esempi di architettura romanica umbra; la medievale chiesa di San Francesco, che si trova nella piazza principale, subito al di fuori della cinta muraria medievale, ma all’interno di quella settecentesca, caratterizzata da una copertura a spiovente sostenuta da arcate in muratura con arco a sesto acuto, caratteristica tipicamente regionale, e contenente affreschi quattrocenteschi di scuola umbra; la settecentesca Porta Romana; la medievale chiesa di San Giovanni, derivata da un battistero a pianta centrale.
L’evento di maggior richiamo che si svolge a San Gemini è la “Giostra dell’Arme”, una rievocazione storica che, nei giorni precedenti la festa del santo patrono (generalmente dall’ultimo sabato di settembre alla seconda domenica di ottobre), è occasione di gioco e di svago per gli abitanti, molti dei quali amano travestirsi per l’occasione in abiti medievali. La giostra culmina in una sfida tra cavalieri dei due rioni in cui è stato suddiviso il paese: la “Rocca” e la “Piazza”; è in questo ambito che nel 1974 nasce il gruppo sbandieratori Casventum che, resosi autonomo, assume la denominazione di gruppo “Sbandieratori San Gemini”, intraprendendo un cammino che lo porterà dapprima ad una intensa attività a livello nazionale, per poi varcare i confini italiani, fino a farsi conoscere ed apprezzare anche nelle maggiori capitali europee, oltre poi a raggiungere numerosi successi a livello internazionale con esibizioni in Australia, Giappone, Israele e numerose trasferte negli Stati Uniti d’America.
In generale, si può dire che i sangeminesi siano amanti degli eventi pubblici che vengono organizzati in ogni periodo dell’anno, spaziando dal raduno di moto d’epoca alla gara tra bande musicali. Tra i più interessanti è da citare l’infiorata che viene organizzata in occasione della festa religiosa del Corpus Domini: la popolazione si organizza in squadre che competono per la migliore composizione realizzata a terra, lungo le strade del centro storico, utilizzando esclusivamente elementi vegetali.

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*