A MONTEMORCINO UN’INVASIONE DI ESORDIENTI

(UJ.com 3.0) PERUGIA – La Montemorcino continua ad essere un riferimento sportivo importante per il territorio perugino. Un modo di fare calcio non esclusivamente orientato ai risultati del campo, ma ideato e organizzato al fine di creare aggregazione e soprattutto divertimento. Una testimonianza tangibile arriva dalla formazione esordienti, quest’anno composta da ben trentasette atleti, che si allenano insieme e per ragioni di opportunità si dividono al momento delle partite, in quelli appartenenti alle classi di età del 2001 e del 2002. “E’ un gruppo numericamente importante – ci tiene a precisare il Presidente Bulletti – ma non il solo, visto che quest’anno abbiamo ricevuto diverse adesioni anche tra i Piccoli Amici e i Pulcini. Sugli Esordienti riponiamo grande fiducia, perché ci sono delle individualità importanti e perché ci piacerebbe con loro costruire una squadra Giovanissimi di un certo livello tecnico. Questa per loro è una fase importante, in quanto si stanno avvicinando al calcio vero, quello che li vedrà misurarsi undici contro undici e in campi più grandi. Stiamo valutando l’opportunità di farli partecipare a dei tornei fuori regione, per aumentare il bagaglio di esperienze. Speriamo che le famiglie rispondano al più presto alle nostre sollecitazioni”.  Nel frattempo i tecnici Corradini e Farfanelli continuano a lavorare sul campo e i ragazzi sembrano apprezzare quanto gli viene impartito. “A Montemorcino ci troviamo davvero bene – ammette uno degli atleti, Pietro Fatti – perché c’è il giusto spirito nell’affrontare il calcio. La società ci è sempre vicina e i mister sanno come prenderci”. Gli attestati di stima arrivano anche dai genitori. “La Montemorcino è un’assicurazione sull’adolescenza dei nostri figli – dichiara Andrea Catalanotto – che in un ambiente del genere possono crescere con il solo obiettivo di divertirsi, senza pressioni”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*