Marsciano, la scuola incontra lo sport

I bambini si cimentano nella pallavolo durante la manifestazione "Scegli il tuo sport"
I bambini si esercitano nella pallavolo durante la manifestazione “Scegli il tuo sport”

(umbriajournal.com) MARSCIANO – Una due giorni dedicata alla scoperta degli sport presso il Palazzetto dello Sport di Marsciano. È l’iniziativa promossa dal Comune di Marsciano in collaborazione il 1° e 2° Circolo didattico e con le principali associazioni sportive del territorio. Circa 500 giovani studenti, provenienti dai plessi di Marsciano, San Valentino e Papiano, si sono recati nelle mattine di venerdì 18 e sabato 19 ottobre, usufruendo del servizio di trasporto messo a disposizione dall’Amministrazione, presso gli impianti sportivi del capoluogo per fare la conoscenza dei vari sport che vengono praticati a Marsciano grazie al lavoro di tante associazioni sportive. In particolare i ragazzi hanno potuto cimentarsi nel calcio, nel basket, nella ginnastica artistica, nella danza ritmica, nel karate e nel kung fu, nel tennis tavolo, nella pallavolo, nell’atletica leggera e nel ciclismo.

Ad accoglierli presso gli impianti sono stati i responsabili e i tecnici delle varie associazioni che gli hanno permesso di fare esercizi e pratica di tutte le attività proposte, aiutandoli a scoprire, giocando, alcune delle tecniche che caratterizzano i vari sport .

 “Scegli il tuo sport – spiega l’Assessore allo Sport e alle Politiche scolastiche del Comune di Marsciano, Luigi Anniboletti – è una importante occasione per fare incontrare la scuola e il mondo dello sport locale, potenziando il ruolo educativo di ciascuno e la condivisione dei valori che l’una e l’altra realtà esprimono nei rispettivi ambiti. Una vera e propria festa dello sport in cui i bambini e le bambine vengono stimolati a fare la conoscenza delle varie attività motorie e, magari, sceglierne una da poter praticare. Marsciano da questo punto di vista ha molto da offrire potendo contare su una rete di realtà sportive consolidata e di qualità, capace di attrarre praticanti anche da fuori comune e di lavorare in sinergia sia con il Comune che con le scuole del territorio”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*