La Wealth Planet Perugia diventa Scuola regionale di pallavolo

Allenatore | TUUM Perugia • Campionato Pallavolo Femminile Serie B1 2015/16

Qualifica assegnata per numero di atleti del settore giovanile e competenza dirigenti – Sabato 14 maggio, ad Assisi, la cerimonia di conferimento da parte della Fipav Umbria

(umbriajournal.com) by Avi News PERUGIA – La stagione si chiude con una bella notizia per la Wealth Planet Perugia che prima di mandare definitivamente in archivio l’annata agonistica ha un ottimo motivo per festeggiare. Per la prima volta nella sua storia, la giovane società sportiva potrà beneficiare del riconoscimento di ‘Scuola regionale di pallavolo’ che testimonia la qualità del lavoro svolto e lo certifica per il biennio 2016-2018.

Soddisfazione della società. La soddisfazione è grande per il club presieduto da Massimo Patiti nell’aver appreso che la prestigiosa e desiderata attestazione di merito le sarà conferita dalla Fipav Umbria ufficialmente sabato 14 maggio. La Federazione italiana pallavolo esamina le documentazioni delle società sportive e aggiorna ogni due anni il suo registro evidenziando le realtà che si distinguono particolarmente nell’ambito della promozione della disciplina. La qualifica è assegnata con un severo criterio di scelta basato sia sul numero degli atleti del settore giovanile ma soprattutto sulla competenza di chi gestisce e determina le linee guida della società sportiva a partire dai dirigenti e dai responsabili. Il direttore tecnico Fabio Bovari ha commentato la notizia con estremo piacere. “Ottenere questo riconoscimento – ha detto Bovari – ci rende orgogliosi. Significa che siamo tra i club che lavorano meglio sul territorio, questo ci sprona ad agire in maniera sempre più attenta per rendere il vivaio interessante e di richiamo.

La cerimonia di conferimento. La cerimonia di consegna è prevista ad Assisi, in occasione dell’evento ‘Presentazione del progetto S3’ che tende a coinvolgere le aventi diritto per uniformare i processi di formazione delle figure tecniche e per perseguire attività sperimentali all’interno dello stesso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*