La Reale Mutua non molla un centimetro, ma alla fine Empoli riesce a spuntarla

Sisas Perugia pallacanestro batte Chiusi. comincia nuovo anno con vittoria

PALLON DA BASKET(UJ.com3.0) PONTE VALLECEPPI – Gara 3 non delude le attese: davanti al pubblico delle grandi occasioni, con foltissima rappresentanza ponteggiana, Valdiceppo ed Empoli di danno battaglia per 40 minuti, e solo alla fine i ragazzi di coach Mosi possono tirare un meritato sospiro di sollievo e pensare alla prossima sfida di semifinale con Monsummano. La Reale Mutua scende in campo tutt´altro che appagata dalla bella vittoria di gara 2, subisce un po´ la fisicità di Di Biase e Vannini, i migliori in campo per la Koi Pac, ma attacca il canestro con decisione e manda subito in difficoltà Orsini, costretto alla panchina prima del previsto.

A trascinare i suoi ci pensa un Momi molto determinato, autore anche di una tripla, mentre le zingarate di Negrotti danno consistenza alla manovra bianco-blu. Per i padroni di casa, con Moroni braccato su tutti e 28 i metri di campo, si cercano alternative in attacco, e Beltran manda segnali importanti segnando una tripla pesante. Empoli è avanti di uno ma proprio sul suono della prima sirena Anastasi piazza dall´angolo un canestro da tre punti che fissa il punteggio sul 17 a 19. Inevitabile la reazione dei padroni di casa, che trovano in Vannini un punto di riferimento solidissimo (21 punti e 22 rimbalzi, di cui 9 offensivi) ed approfittano dell´unico piccolo sbandamento della Reale Mutua, che costerà davvero parecchio nell´economia della gara. Anastasi mette un´altra tripla, con Fiordiponti che si guadagna diverse gite in lunetta, ma l´inerzia in un attimo cambia e l´energia di Di Biase e si fa sentire in campo aperto e nelle situazioni di rimbalzo. A complicare la cose un antisportivo non chiarissmo fischiato a capitan Casuscelli con la Valdiceppo un possesso di palla, al momento della rimessa in gioco. Sulla scia dell´entusiasmo gli empolesi mandano a referto anche Migli mentre Beltran segna un´altro canestro pesante, che permette ai suoi di andare negli spogliati sul 41-28.

Per rientrare in partita i ponteggiani avrebbero bisogno di migliorare le percentuali di tiro, scese parecchio nella seconda frazione, e finalmente si sbloccano con Negrotti e Burini che ne mettono 5 di seguito dall´arco, rosicchiando così parte dello svantaggio. Empoli ha il merito di non disunirsi e di riuscire a guadagnarsi con Di Biase parecchie gite in lunetta . Pur con qualche errore di troppo, Vannini e compagni realizzano dalla lunetta punti importanti per arginare la rimonta ponteggiana, che si fa pericolosa quando Negrotti realizza il canestro del meno 5. Poi però Manetti e Freschi mandano a bersaglio due canestri da tre punti consecutivi ad inizio dell´ultima frazione, ed Empoli può respirare. La Reale Mutua non molla un centimetro, gioca il pick and pop con continuità cercando di mettere in ritmo Orlandi e Casuscelli, e continua a pressare su tutto il campo. Ma il tempo gioca a favore della Koi Pac che amministra con intelligenza, conquista rimbalzi e conduce in porto la gara sul 77-69. Davvero nulla da rimproverarsi però per i ragazzi della Presidentessa Gionangeli, che hanno vissuto una stagione straordinaria risalendo inesorabilmente posizioni in classifica e giocando poi con cuore ed orgoglio questa post season. La stagione si chiude con il lungo applauso del pubblico ponteggiano, che ha sostenuto la squadra con entusiasmo incredibile durante la stagione, contribuendo molto alla fiducia con la quale la squadra ha potuto scendere in campo e sfidare formazioni molto più strutturate ed esperte.

Empoli-Valdiceppo 77-69
ARBITRI: Bernassola di Palestrina (Rm) e De Filippo di Roma
PARZIALI: 17-24-9, 15-18, 21-23
KOI PACK EMPOLI: Moroni 7, Vannini 21, Pellegrino 4, Di Biase 19, Orsini 1, Manetti 3, Beltran 7, Freschi 9, Meli 6, Prosperi. Allenatore: Mosi
REALE MUTUA VALDICEPPO: Orlandi 4, Casuscelli 11, Bruni 11, Momi 5, Fiordiponti 4, Negrotti 20, Anastasi, Cornicchia, Urbini, Giovagnoli. Allenatore: Traino

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*