La Grifo Perugia vuole partire col piede giusto: “Iniziare con i tre punti”

Il campionato bussa alle porte della Grifo Perugia: domenica 2 ottobre la squadra allenata da Valentina Belia è attesa dal primo impegno casalingo contro l’Udinese Calcio Femminile. Dopo il buon terzo posto della passata stagione sportiva, la Grifo, pur essendosi profondamente rinnovata in modo da creare una rosa dall’età media relativamente bassa, rimane sempre ambiziosa. Queste le parole del tecnico Belia alla vigilia dell’esordio in campionato:
“Ci teniamo molto a partire subito bene intascando i tre punti. Non conosco bene l’Udinese, formazione neopromossa, ma conosco bene le mie ragazze: quest’anno la squadra è ancora più giovane e saranno chiamate a recitare un ruolo da protagoniste molte delle atlete che lo scorso anno hanno collezionato poche presenze. Bisognerà rimanere fiduciosi anche se ci sarà qualche errore dettato dall’inesperienza o dall’emozione. Io credo molto nel mio gruppo e sono sicura che ci sono tutti i presupposti per ben figurare. Sarà importante vincere anche in virtù della difficile trasferta che ci aspetta la seconda giornata contro la Reggiana. Diciamo che se la squadra ha cambiato alcune pedine, l’idea gioco rimane invece invariata così come il modulo.”
Appuntamento quindi allo stadio comunale di San Sisto alle ore 15 di domenica 2 ottobre.
Probabile formazione Grifo Perugia: (4-3-1-2) Marroccoli; Ricci, Ferretti, Monetini, Alessi; Giovannucci, Fiorucci C., Brozzetti; Fiorucci G.; Pellegrino, Zelli. All.: Belia
Arbitro: Emiliano Perini di Roma 1
Assistenti: Antonio Servillo e Federico Giovanardi entrambi della sezione di Terni

ROSA COMPLETA GRIFO PERUGIA 2016/2017
Portieri: Miriam Marroccoli, Marie Oeane Bayol
Difensori: Alessandra Ferretti, Noemi Monetini, Benedetta Alessi, Martina Rosmini, Nicole Ricci
Centrocampisti: Corinna Fiorucci, Gloria Bianconi, Valentina Brozzetti, Federica Giovannucci, Rangana Timo
Attaccanti: Sofia Pellegrino, Giulia Fiorucci, Sharon Zelli, Elisa Narcisi, Sevina Bylykbashi, Mariagiulia Tuteri

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*