Unipegaso

La Graficonsul San Mariano cade a Foligno e perde il secondo posto

La Graficonsul San Mariano esce sconfitta nella quarta giornata di ritorno contro la Vis Fiamenga Foligno. Grazie a questo risultato le folignati si trovano al secondo posto nella classifica generale scavalcando le sanmarianesi ora attestate al terzo. L’avvio di gara ha visto le biancoazzurre di coach Berrettoni controllare agevolmente lo svolgimento del parziale (25-16). Il secondo set ha avuto stesso andamento fino a quando le giocatrici di coach Farinelli hanno reagito e si sono portate a pari punti con le avversarie per poi però arrendersi allo sprint finale (25-23). Il terzo parziale, più equilibrato dei primi due nella progressione dei punti, ha visto nuovamente la Vis Foligno imporsi negli scambi finali e quindi aggiudicarsi la partita (25-22). La classifica in questo momento recita di un Ponte Felcino in fuga solitaria e di un quartetto di inseguitrici raccolte in quattro punti. Ogni partita sarà determinante per stabilire la griglia finale del playoff, a cominciare dal prossimo sabato quando la Graficonsul San Mariano riceverà il Trasimeno Volley reduce da due vittorie consecutive.

INTERVISTE
Roberto Farinelli, coach Graficonsul San Mariano: “C’è grossa amarezza, perchè ancora una volta non ci siamo fatti trovare pronti nei confronti con le squadre di vertice. Se vogliamo essere protagonisti in questo campionato dobbiamo cambiare alcune cose, a cominciare dalla qualità e quantità del lavoro quotidiano. Marzo sarà un mese molto impegnativo: mi aspetto dimostrazione di forza da parte delle ragazze”

Vis Fiamenga Foligno – San Mariano 3-0 (25-16, 25-23, 25-22)
Foligno: Maiuli M. 12, Camilli 10, Maiuli S. 10, Baldoni 7, Salvi 6, Di Arcangelo 4, Antonini (L1), Benincasa, Stella, Carletti, Sechi, Trabalza (L2). All. Fabio Berrettoni e Claudio Guerrini.
San Mariano: Urbani 15, Vergoni 8, Valocchia 7, Distante 6, Segoloni 4, Margaritelli, Vata (L), Vibi 1, Maggi, Montanari, Narciso, Santocchia, Morarelli (L). All. Roberto Farinelli e Lorenzo Castellini.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*