La Fédération Equestre Internationale ha sospeso la nazionale Emirati Arabi Uniti

La Fei – Fédération Equestre Internationale – ha sospeso la federazione nazionale degli Emirati Arabi Uniti. Questo un breve estratto : “il bureau della Fei ha sospeso la federazione nazionale degli Emirati Arabi Uniti per un periodo indeterminato a seguito delle indagini della Fei sui problemi del benessere dei cavalli e sulla non conformità con il regolamento Fei nella disciplina dell’endurance.La decisione è stata presa dal Bureau, presieduto dal Presidente Fei De Vos, all’unanimità. Sotto i termini della sospensione, che ha effetto immediato , la federazione nazionale Uae non può partecipare o essere rappresentata a nessun incontro di nessun organismo Fei, non può organizzare nessun evento internazionale e i suoi membri non possono partecipare a nessun evento internazionale. Comunque , il Bureau ha deciso che gli atleti Uae, di discipline che non siano l’endurance ,possano competere sotto la bandiera della Fei in competizioni internazionali organizzate al di fuori degli Emirati Arabi Uniti. ……..” A dir poco sconcertante la decisione presa, ma sicuramente non inaspettata a seguito degli ultimi avvenimenti: cavalli morti, gare false, periodi di riposo non rispettati, ……. Questo non è l’Endurance vero, quello che ho fatto io per anni e quello che tanti amici in Italia e non stanno ancora cercando di fare. Questo non è l’Endurance del binomio, non è l’Endurance degli allenamenti, della fatica, delle lacrime e della gioia nel rispetto delle regole e dei cavalli. Questo è l’Endurance del massacro e delle truffe, dei 30 km/h e dei trattamenti durante le gare, delle gare fittizie e dei veterinari compiacenti che a malapena appoggiano il fonendo ai cavalli…… Forse è il momento di fermarci tutti un attimo a pensare e recuperare, se possibile e tutti insieme, quel che rimane di questa meravigliosa disciplina, prima che una gestione scellerata ce la distrugga del tutto.
Patrizia Giacchero . da freendurance.it

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*