La 3M Perugia sbanca Roma e tiene il passo di Siena

La 3M Perugia continua a vincere. La squadra di Marangi ha letteralmente sbancato Roma (0-3), andando a vincere sul campo della Polisportiva Casal de’ Pazzi. Una trasferta ostica e resa ancora più complicata dalle difficoltà strutturali evidenziate dall’impianto capitolino. Le squadre, infatti, dopo aver preso atto del mancato riscaldamento della palestra, ad opera del Comune di Roma e dovendo tenere conto dei regolamenti Fipav, si sono dovute trasferire nella vicina Monterotondo per disputare la gara ed evitare che la stessa finisse con un risultato a tavolino. Dopo aver effettuato due riscaldamenti atletici e almeno altri venti minuti di strada, la 3M Perugia è potuta scendere in campo. Per l’occasione il tecnico Marangi ha proposto la formazione delle ultime uscite. Senza Marta Pero, sulla via del recupero dopo l’infortunio al piede, il coach biancorosso ha schierato Diano e Ragnacci centrali, Rossit e Cicogna laterali, Tarducci opposto, Bertinelli palleggiatrice e Mastroforti libero. Nel primo set la 3M Perugia ha faticato un po’ ad entrare in partita. Evidentemente le “questioni logistiche” hanno pesato sul fisico e sulla testa. Casal de’ Pazzi ne ha approfittato ma non per molto. Rossit e compagne si sono presto calate nella sfida e nella fase decisiva hanno messo in campo la giusta determinazione (21-25). La superiorità della 3M Perugia è stata maggiormente evidente nel secondo parziale, quando le capitoline hanno faticato a tenere il passo (19-25). La partita è tornata in equilibrio nel terzo set. Casal de’ Pazzi ha provato a rimettere in discussione il risultato, ma non ha fatto i conti con la 3M, che nel finale ha effettuato un vero e proprio colpo di reni per recuperare il punto (23-25) e chiudere la contesa. Dopo il successo in terra romana, la 3M Perugia resta saldamente al secondo posto dietro a Siena, vittoriosa a Sassari per 3-0. Prossimo impegno per la squadra di Marangi, quello in programma sabato 9 dicembre (ore 17) al Capitini contro Ponte Felcino.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*