Il campione europeo Andrea Calzoni e i campioni perugini di ju-jitsu dal sindaco Romizi

PERUGIA – Il Sindaco di Perugia ha ricevuto a Palazzo dei Priori i campioni umbri della Nazionale Italiana che si sono fatti onore ai campionati europei di Ju-Jitsu, svoltisi il 6 e 7 giugno scorsi ad Almere, cittadina olandese nei pressi di Amsterdam, vincendo un oro, due argenti e due bronzi.Il Primo Cittadino ha voluto testimoniare ad Andrea Calzoni (17anni, G.S. Ju-Jitsu Perugia) -neo Campione Europeo 56kg “Fighting System”, a Jessica Scricciolo (21 anni, G.S. Ju-Jitsu Perugia) -medaglia d’argento nel “Fighting System” e di bronzo nel “Ne-Waza”, alla coppia Jessica Castellani e Martina Pacioselli (23 anni, Club La Dolce Arte) -medaglia d’argento nel Duo System Femminile e a Sara Antoniacci (18 anni, G.A.M. Perugia) -medaglia di bronzo nella specialità “Ne-Waza, al M° Paolo Palma -D.T. stile “Fighting System”, al M° Claudio Faraghini -assistente medico e all’Istr. Raffaele Calzoni -responsabile dello Staff Organizzativo, tutto l’apprezzamento personale, dell’Amministra-zione Comunale e della Città per il prestigioso risultato ottenuto. Alla cerimonia di premiazione, tenutasi alla Sala Rossa del Comune, i campioni erano accompagnati dal Direttore Generale della Nazionale M° Massimo Bistocchi. Presenti anche il Tecnico della G.A.M. Istr. Paolo Donnari e il Presidente del Club La Dolce Arte Claudio Capretta ed il Vice-Presidente del G.S. Ju-Jitsu Perugia Avv. Gian Luca Ballabio. Il Sindaco, ha espresso agli atleti la grande soddisfazione per le vittorie e i titoli conseguiti “che premiano – ha detto- la disciplina, la costanza e la determinazione senza la quale non sarebbe possibile raggiungere certi livelli”, ha anche messo in evidenza il lato sociale e aggregativo di un’arte Marziale come il Ju-Jitsu e ringraziato il Maestro Bistocchi per quanto ha fatto a favore della promozione e lo sviluppo della disciplina nel territorio nazionale e in particolar modo per la dedizione verso la Nazionale Italiana, che coordina e dirige dal lontano 1985.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*