I COMPLIMENTI DI ILIO LIBERATI AI BLOCK DEVILS!

di Simone Camardese (UJ.com3.0) PERUGIA – È da tre anni, da quando in pratica è sbarcata a Perugia la Sir Safety Banca di Mantignana, uno dei più “sfegatati” (ci passi il termine) tifosi bianconeri, sempre presente al PalaEvangelisti, sempre partecipe ed informatissimo delle sorti dei Block Devils. Il personaggio in questione è l’assessore allo sport del Comune di Perugia Ilio Liberati. Un grande sostenitore della società del presidente Sirci che oggi, al termine di una stagione esaltante come quella appena terminata in serie A1, vuole esprimere il suo apprezzamento su quello che sono riusciti a fare i Block Devils al cospetto del gotha del volley italiano. Ma con una premessa, doverosa. L’assessore era in prima linea anche due stagioni fa quando i bianconeri conquistarono solo nella roulette russa di nome playout la salvezza in A2. A dimostrazione di quanto Liberati credesse nel progetto Sir.

Queste le sue considerazioni:
“È stata, quella appena terminata, davvero una bella stagione nella quale ci siamo divertiti e che ha visto premiati gli sforzi dell’appassionato presidente Sirci, della società e di un gruppo, creato proprio dal numero uno societario, di assoluta qualità umana e tecnica, fatto di uomini e collaboratori eccellenti.
Da un punto di vista tecnico, se penso a dove ci trovavamo due anni fa, devo dire che oggi abbiamo registrato una performance sportiva di altissimo livello e molto importante. Inoltre la società ha saputo investire e sta tuttora investendo sui giovani e questo significa che la società stessa e la squadra avranno un futuro.
Credo quindi che siano state gettate le basi per fare sempre meglio e che il prossimo campionato sarà ancora più bello ed appassionante.
Voglio infine fare un ringraziamento speciale agli ‘Nguastiti ed alle tante, tantissime persone che, grazie al lavoro ed ai successi della Sir Safety Banca di Mantignana, si sono avvicinate quest’anno alla pallavolo ed hanno frequentato il Pala Evangelisti in modo tanto appassionato”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*