Gruppo Grifo Agroalimentare con il ciclopellegrinaggio Terontola-Assisi

(umbriajournal.com) by Avi News PERUGIA – “Tra le tante iniziative che si sono fatte e si faranno in Italia per celebrare il centesimo anniversario della nascita di Gino Bartali, questa è una delle più significative. Rievochiamo infatti il tragitto che il campione percorreva, a rischio della vita, durante la seconda guerra mondiale, per portare i documenti che salvarono centinaia di perseguitati razziali e politici”. Così Carlo Roscini, presidente regionale di Federciclismo Umbria, ha spiegato lo spirito che anche quest’anno, domenica 14 settembre, ha animato il Ciclopellegrinaggio Terontola-Assisi. Durante i 70 chilometri del percorso, i ciclisti, prima dell’arrivo ad Assisi dove venivano stampati i documenti falsi per Bartali, hanno fatto tappa alla sede centrale del Gruppo Grifo agroalimentare, a Ponte San Giovanni di Perugia, per un momento di ristoro con i prodotti della cooperativa. “Così come nelle precedenti edizioni – ha detto Riziero Giovi, vicepresidente del Gruppo Grifo –, anche quest’anno abbiamo voluto dare il nostro piccolo contributo a questa bella manifestazione. Riteniamo, infatti, molto attuale il messaggio che Bartali ci ha tramandato. Ci fa piacere che tutti gli sportivi abbiano apprezzato i prodotti che provengono dalla nostra terra”. “Questo passaggio al Gruppo Grifo agroalimentare – ha commentato anche Roscini – è importante perché si tratta di un’azienda umbra, da sempre vicina al mondo dello sport e del ciclismo”.

A prendere parte all’evento sportivo sono stati 18 squadre e circa 300 atleti provenienti da tutta l’Umbria e dalla Toscana. Tra questi anche Livio Trapè, campione olimpico di ciclismo nel 1960. “Quando io correvo in Toscana – ha ricordato Trapè –, con Gino abbiamo passato dei momenti stupendi insieme. In questa particolare ricorrenza, con il gruppo ciclistico di Montefiascone, abbiamo voluto onorare in massa la sua figura”. L’omaggio a Bartali è stato portato anche alle lapidi che ne ricordano il lato più umano, poste alla stazione di Terontola di Cortona e a Ripa di Perugia.

 

Nicola Torrini

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*