Primi d'Italia

Giulia Kotlar alla Bartoccini Gioiellerie Perugia: porterò il mio entusiasmo

Giulia Kotlar alla Bartoccini Gioiellerie Perugia

(umbriajournal.com) by Avi News PERUGIA – “Ho deciso di venire a Perugia perché è molto interessante il progetto della società e perché mi sono sentita molto onorata dell’interessamento nei miei confronti”. Così esordisce Giulia Kotlar, la nuova centrale dalla Bartoccini Gioiellerie Perugia, la squadra neo promossa nel campionato nazionale di volley di serie A2 femminile. “Giocare in una categoria come la serie A2 – prosegue – è sempre molto stimolante”.

Giulia è nata a Genova il 25 gennaio 1989 ed è alta 183 cm. È cresciuta sportivamente nella sua città militando, dal 2004 al 2011, in un campionato di D, due di C, uno di B2 e tre di B1. Nel 2012 ha lasciato la sua terra per giocare una stagione a Collecchio (B1), una a Sala Consilina (A2) ed una a Rovigo (A2). Dal 2014 ad oggi ha vestito i colori della Zambelli Orvieto in B1.

 

Come si aspetta questo campionato?

“Sarà lungo, visto il numero delle squadre partecipanti – risponde Kothlar – e molto faticoso, anche dal punto di vista mentale. Spesso giocheremo anche durante la settimana ed avremo poco tempo tra una gara ed un’altra”.

 

Quale contributo pensa di poter dare alla squadra?

“Io ho già giocato due anni in questa categoria e dopo i miei tre anni ad Orvieto da titolare credo di avere una certa esperienza. Poi so che andrò a confrontarmi con compagne di squadra ed avversari di livello superiore alla B1 ma questo sicuramente sarà solo uno stimolo a fare bene”.

 

Quali sono i punti di forza e di debolezza di Giulia?

“Il mio punto di forza penso che sia l’entusiasmo. Credo che sia, insieme all’affiatamento con le compagne della squadra, a volte più importante della tecnica. Spesso con l’entusiasmo si riescono a raggiungere dei risultati inaspettati. Per quanto riguarda il mio punto debole credo che forse sono un po’ troppo bassa per la serie A, dove i centimetri sono importanti. Cercherò di sopperire a questo aspetto –  conclude Giulia Kotlar – proprio con l’entusiasmo che mi contraddistingue da sempre”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*