Gala Sport: “A Pescara gara da non sbagliare per il Perugia”

Dopo una settimana di “riposo forzato”, complice l’impegno infrasettimanale del Perugia a Latina, Gala Sport è tornata a parlare del Grifo. La trasmissione televisiva prodotta da Avi News  ha analizzato il trittico di partire che nel giro di una settimana ha visto la squadra di Camplone raccogliere cinque punti. Ospiti del giornalista Andrea Sonaglia, presso gli studi dell’agenzia giornalistica di Francesco Mancini, in via della Stella a Perugia, il Direttore Sportivo, Domenico Sfrappa, il Direttore di Tifogrifo.com, Ettore Bertolini e il Presidente del Csi di Perugia, Claudio Banditelli. La presenza di quest’ultimo è stata chiaramente legata all’iniziativa che si terrà sabato 9 maggio a Pian di Massiano, organizzata proprio dal Centro Sportivo Italiano: “Csi Day”. Dalle 10 alle 18 l’area della pista ciclabile diventerà il luogo dove bambini, giovani e adulti potranno cimentarsi con diverse discipline sportive e godersi una giornata all’aria aperta. Alle 17, poi, il Presidente Banditelli premierà le squadre che si sono distinte durante il periodo invernale nelle competizioni organizzate dal Csi. Tornando alle vicende del Perugia, Sfrappa e Bertolini hanno espresso pensieri positivi in vista della trasferta di Pescara.

“Delle tre gare rimaste, è sicuramente quella più impegnativa. Le assenze di Falcinelli, Fazzi e Parigini (tutti per squalifica) potranno pesare, ma il Grifo ha i mezzi per fare bene. Il Pescara – ha sottolineato il sempre puntuale Bertolini – è una squadra che segna molto e che subisce tanto. In casa non ha un ruolino così importante: in trasferta ha fatto meglio. Occhio all’ultimo quarto d’ora: la squadra di Baroni segna spesso”.

Una gara quella dell’Adriatico, che diventa fondamentale per concretizzare l’obiettivo play-off.

“Il Perugia ha sin qui fatto un grande campionato – ha dichiarato Sfrappa – e non a caso è considerata una delle squadre che esprime il miglior gioco della serie B. Forse qualche punto è stato lasciato per strada, ma il bilancio resta molto positivo. Camplone sempre sulla graticola? Fa parte del gioco, anche se non riesco a capire cosa si possa realmente rimproverare a questo allenatore. Se fossi la società, mi rammaricherei di non aver costruito una rosa così sin dall’estate. Con certi giocatori dalla prima giornata, ora il Perugia starebbe lottando per la serie A diretta”.

Qualche “rischiosa” considerazione è poi arrivata anche sul futuro del tecnico, sempre più “distante” idealmente dalla linea societaria e in procinto di lasciare a fine stagione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*