DALLA GRIFO SI ATTENDONO RISPOSTE

(Uj.com 3.0) PERUGIA – grifo_perugia_2013-2014A otto giornate dal termine della stagione regolare, la Grifo Perugia è chiamata a dare una svolta al proprio campionato e soprattutto alla propria classifica. Persa l’occasione di rilanciarsi nella sfida salvezza contro l’Inter Milano, persa per 1-0, la formazione femminile biancorossa cerca punti in casa della più quotata Mozzanica (sabato 15 marzo, ore 15), avversario non accreditato per aggiudicarsi il titolo, ma da anni capace di mantenere livelli importanti. “I bonus sono finiti – ammette alla vigilia della sfida in terra bergamasca, il tecnico Giovanni Fiorucci – è arrivato il momento di fare punti. Del resto, le occasioni contro Como e Inter Milano le abbiamo gettate al vento e adesso dobbiamo cercare il risultato anche contro avversari più quotati. Speriamo di trovare un Mozzanica pago dell’attuale classifica e del fatto di aver ormai raggiunto la salvezza. Le prossime due gare di campionato saranno fondamentali per alimentare le nostre speranze di raggiungere i play-out. L’Inter non ha un calendario agevole e Chiasiellis tra una settimana verrà a farci visita. Le ragazze non devono affrontare le partite con apprensione, ma sul piano dei risultati serve una scossa”. Senza le nazionali e con Parise e Cucchiarini indisponibili, Fiorucci ha convocato tre elementi della Primavera: Ceccarelli,Brozzetti e Pellegrino. Contro il Mozzanica probabilmente il tecnico perugino rispolvererà il 4-2-3-1, modulo tanto caro al predecessore Scapicchi. Davanti a Monsignori, agirà il quartetto Bianchi, Ferretti, Bordellini e Cianci. Saravalle sarà promossa nel ruolo di mediano al fianco di Corinna Fiorucci, mentre il trio di trequartisti alle spalle del capitano Natalizi, sarà composto da Monetini, Ricci e Pugnali. “Il Mozzanica è una squadra forte-  conclude proprio Saravalle – con ottimi elementi, ma noi dobbiamo vincere. Anche un punto ci starebbe stretto per la classifica. D’ora in avanti sono tutte finali e le finali le puoi solo vincere”

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*