Dakar 2017, la sfida del pilota disabile perugino Gianluca Tassi

Gianluca Tassi, pilota di rally disabile, ex campione di motorally, divenuto paraplegico dopo una caduta nel 2003 in Perù

Gianluca Tassi

«La volontà non ha limiti», oltre ogni confine, ma soprattutto oltre ogni barriera e contro ogni pregiudizio. Anche un sogno può trasformarsi in realtà quando a togliere il freno e pigiare sull’acceleratore è Gianluca Tassi, pilota di rally disabile, ex campione di motorally, divenuto paraplegico dopo una caduta nel 2003 durante un viaggio organizzato in Perù per Bmw Motorrad Italia, che a 55 anni è pronto a far ritorno in Sud America, questa volta, da protagonista. Da quel giorno sfortunato alla prossima Dakar 2017, la corsa off road più estrema al mondo, saranno trascorsi quattordici anni durante i quali Tassi non ha mai perso la voglia di vivere, ma ha lottato, partecipato a tanti rally, infranto record, come quello che lo ha visto battere importanti piloti nel Raid dei Templi in Campania e qualificarsi al primo posto divenendo il primo disabile nel mondo a conquistare un simile traguardo.

Gianluca Tassi gareggia per conto di tutte quelle persone che vedono nella disabilità un limite, quelle persone per cui oggi è diventato una guida sicura anche in auto dopo aver conseguito il brevetto di istruttore FISAPS ed essere diventato istruttore del R Team, Ralli Art Off Road Team fondato da Renato Rickler, che gli fornirà macchina e supporto tecnico diventando uno dei principali partner per l’avventura della Dakar del prossimo Gennaio 2017. Dentro e fuori Gianluca Tassi, presidente anche della Onlus «Uno di noi», c’è un mondo che provare a racchiudere è davvero impossibile, come visibile leggendo le pagine del sito www.gianlucatassi.it, un uomo pronto a compiere una grande impresa rasentando i limiti della sopravvivenza sportiva e personale per dimostrare al mondo intero che chi vuole può e che non esiste peggior persona di chi non crede nei propri sogni. Alla prossima Dakar il cinquantacinquenne pilota umbro non vorrà esser semplice protagonista ma scenderà in pista per domare la terra e far ruggire la propria vettura mostrando a tutti che i sogni possano diventare realtà.


 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*