Il sorriso nel martedì grasso del Curi arriva per il pareggio contro il Frosinone (1-1)

I ragazzi di Bucchi questa sera hanno dimostrato carattere, raddrizzando una partita che dopo un quarto d’ora di gioco perdevano 1-0 con i canarini che avrebbero forse meritato anche un altro gol

Al Curi la sfida contro il Frosinone è finita 1-1
Al Curi la sfida contro il Frosinone è finita 1-1

Il sorriso nel martedì grasso del Curi arriva per il pareggio contro il Frosinone (1-1)

da Marco De Ciuceis

Un Grifo tutto cuore, nella tormenta del Curi, strappa più che meritatamente il pari per 1-1 contro la capolista Frosinone e si mantiene nel gruppone delle aspiranti ai play-off.

Sorrisi pochi in questo martedì grasso di pioggia battente a Pian di Massiano, unica carnevalata forse la linguaccia di Dionisi all’indirizzo di Monaco, e calcioni tanti contro la corazzata frusinate, abituata da sempre a mettere la gara sotto il profilo della forza fisica.

 A farne le spese, sotto il profilo disciplinare, sono però i biancorossi che saranno costretti a giocare sabato ad Avellino senza Belmonte, Volta, Monaco e Brighi, che saranno squalificati dopo i gialli rimediati questa sera.

Ma, evitando le fughe in avanti, i ragazzi di Bucchi questa sera hanno dimostrato carattere, raddrizzando una partita che dopo un quarto d’ora di gioco perdevano 1-0 con i canarini che avrebbero forse meritato anche un altro gol.

La prima mezzora dei grifoni è stata abbastanza negativa, con l’ennesimo cambio drastico di formazione iniziale, formazione che poi Bucchi nella ripresa è riuscito ancora a stravolgere con i cambi, oggi però azzeccando le mosse giuste con gli ingressi di Terrani e Nicastro, ancora in gol, stavolta di fianco su un calcio d’angolo battuto dalla destra sotto la curva Sud.

Nel mezzo un salvataggio miracoloso di Zappino che da terra riesce a soffiare a Forte un pallone solo da spingere in porta e una segnatura ingiustamente annullata per fuorigioco a Monaco, insomma un Grifo che ha cercato il pareggio con veemenza ed è riuscito a centrare il risultato.

Ad Avellino, dicevamo, la difesa andrà completamente inventata, ma sabato prossimo è un altro giorno, pardon, un’altra giornata.

Formazioni ufficiali

Perugia: Brignoli, Monaco, Guberti, Ricci (Nicastro 1’s.t.), Mustacchio, Dezi, Volta, Belmonte (Terrani 19’s.t.), Di Chiara, Brighi, Forte. A disposizione: Elezaj, Fazzi, Acampora, Gnahoré, Dossena. Allenatore: Cristian Bucchi

Frosinone: Zappino, Crivello, Gori, Maiello, Kragl (Soddimo 29’s.t.), Ciofani M., Dionisi, Mokulu (D. Ciofani 13’s.t.), Terranova, Fiamozzi, Krajnc (Ariaudo 20’s.t.). A disposizione: Bardi, Russo, Frara, Sammarco, Pryyma, Mazzotta. Allenatore: Pasquale Marino

Arbitro: Rosario Abisso della sezione di Palermo
Assistenti: Dario Cecconi di Empoli e Edoardo Raspollini di Livorno
IV uomo: Juan Luca Sacchi di Macerata
Marcatori: Kragl 14’p.t., Nicastro 27’s.t.,
Ammoniti: Mokulu 44’p.t., Brighi 44’p.t., Ciofani M. 14’s.t., Belmonte 15’s.t., Monaco 36’s.t., Ariaudo 38’s.t., Crivello 48’s.t.,
Angoli: 7 – 3
Recupero: 1 min. p.t., 3 min. s.t.,

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*