Una cinica Grifo Perugia batte per 3-1 la Clarentia Trento e rimane terza in classifica

Una vittoria serviva ed una vittoria è arrivata per la Grifo Perugia. Le ragazze di Valentina Belia non hanno forse espresso una grande prestazione sotto il punto di vista del gioco, ma sono state più brave delle avversarie a capitalizzare le occasioni avute. La Clarentia Trento ha sprecato palle-gol importanti e tornano a casa sconfitte, abbandonando il sogno di una rimonta proprio sulle biancorosse. Il primo tempo è bello, intenso e scoppiettante: nei primi minuti di gioco la Clarentia Trento va subito vicina al vantaggio con una conclusione a botta sicura, ma Marroccoli si oppone e dice di no. Immediato arriva il vantaggio della Grifo al 9’ minuto, con una punizione di Natalizi che manda in porta Giulia Fiorucci. La numero 9 della Grifo è fredda sotto porta e scavalca il portiere Larentis con un pallonetto. Le padrone di casa vengono però riacciuffate all’istante, dopo solo un minuto: Dalla Santa, ben lanciata a rete, ristabilisce la parità. Tutto da rifare per la Grifo Perugia, ma la partita sembra da subito regalare molte emozioni. Al 19’ minuto Spapperi si guadagna si guadagna un prezioso rigore che viene trasformato da Corinna Fiorucci. 2-1 per le biancorosse. La Clarentia sfiora il clamoroso 2-2 su un disimpegno non impeccabile del portiere Marroccoli; sospiro di sollievo per Valentina Belia. La formazione ospite si rende pericolosa al 38’ minuto, con un contropiede che però non capitalizzano. Nella ripresa le padroni di casa vanno subito vicine al 3-1, prima con Marinelli e poi con la subentrata Bylykbashi. Un po’ di apprensione per Martina Ceccarelli che, dopo appena 7 minuti dal suo ingresso in campo, si fa male al ginocchio ed è costretta a chiedere il cambio; speriamo nulla di grave per lei. La vittoria viene archiviata e blindata solo al 38’ minuto della ripresa, con Marinelli che disegna un perfetto assist per Narcisi che insacca la palla con una traiettoria beffarda. Le ospiti sprecano incredibilmente il 3-2 con Slomic che su cross non impatta bene sulla sfera e calcia alle stelle. Finisce così. La Grifo Perugia blinda il terzo posto e, vista la contemporanea sconfitta della Pro San Bonifacio che regala quasi matematicamente la vittoria del campionato alla Jesina, si rifà sotto per provare l’aggancio al secondo gradino del podio.

GRIFO PERUGIA – CLARENTIA TRENTO 3-1 (2-1)

GRIFO PERUGIA: (4-3-1-2) Marroccoli; Ferretti, Monetini, Fiorucci C., Saravalle; Bordellini, Natalizi, Brozzetti; Fiorucci G. (13’s.t. Bylykbashi); Spapperi (20’s.t. Ceccarelli M.) (27’s.t. Narcisi), Marinelli. A disposizione: Monsignori, Giovannucci, Ricci, Ceccarelli L.. Allenatore: Belia

CLARENTIA TRENTO: Larentis, Lenzi, Ruaben, Bonenti, Marin (4’s.t. Daprà), Pellegrini, Chierchia (26’s.t. Slomic), Dalla Santa, Zappini (4’s.t. Dauriz), Rosa, Branz. A disposizione: Valenti, Mora, Marighetti. Allenatore: Gadda

MARCATORI: 9’p.t. Fiorucci G. (GP), 10’p.t. Dalla Santa (CT), 19’p.t. Fiorucci C. su rig. (GP), 38’s.t. Narcisi (GP).

Note: ammoniti: 16’s.t. Dauriz (CT), 17’s.t. Bordellini (GP). Recupero: 1’ p.t., 7’ s.t.

Arbitro: Michele Baschieri

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*