Catanzaro-Gubbio, 1-1. Radi risponde a Germinale

Gubbio

GUBBIOcalciodi gubbiofans.it
Catanzaro contro Gubbio. Il tecnico Roselli schiera il modulo 4-3-3 con il tridente Schetter, Falconieri e Falzerano; in difesa Ferrari gioca terzino mentre a centrocampo Baccolo fa il playmaker. L’allenatore dei calabresi Brevi opta per il 3-4-1-2, con Russotto più avanzato del solito. Al 3′ parte in velocità Falzerano che dalla sinistra si fa pericoloso con un cross in area giallorossa, Ferraro di testa salva in angolo. Al 5′ Morosini lancia in profondità Russotto, ma Pisseri è reattivo e chiude bene in uscita. Al 7′ un gran bel lavoro di Russotto che serve al limite Germinale: tiro al volo, ma la palla termina alta. Un minuto dopo (8′) ci prova Schetter con un tiro che viene intercettato da Bindi. Al 9′ Russotto lancia in area Madonia, salva in angolo in extremis Tartaglia. Sugli sviluppi del corner ci prova Russotto da fuori area con una conclusione che sorvola sopra la traversa. Al 21′ il Catanzaro è pericoloso con Madonia che serve in area Sabatino che spara direttamente in porta davanti al portiere Pisseri: il suo diagonale però sfiora il montante. Al 29′ tenta una conclusione a rete Falconieri dal limite, però salva in corner Ferraro. Poco prima, sempre su conclusione a rete di Falconieri su punizione, il Gubbio ha protestato per un presunto mani in area catanzarese, ma è un nulla di fatto.

Al 34′ il Gubbio rischia di capitolare quando Germinale calcia a botta a sicura a rete dopo uno svarione difensivo e Pisseri fuori causa: sulla linea di porta salva alla disperata Addae. Al 38′ tiro al volo dal limite di Russotto che costringe Pisseri a volare sulla destra e respingere la sfera. Su capovolgimento di fronte Falconieri impegna a terra Bindi e poi sulla respinta sbroglia la matassa Ferraro. Al 44′ altra occasione per il Catanzaro: Madonia, da posizione decentrata sulla sinistra in area, cerca la porta con un tiro a girare ma non trova il bersaglio. Al 47′ del primo tempo si fa pericoloso sempre lo sgusciante Russotto, ma il suo tiro viene murato da Bartolucci e si passa alla ripresa. Entra Fioretti al posto di Morosini, ovvero una punta al posto di un centrocampista. Al 49′ ci prova Falconieri con un tiro pericoloso dal limite, Bindi si salva a mani aperte.

Al 54′ il Catanzaro passa in vantaggio: su angolo di Russotto calciato a girare in area, Germinale è il più lesto di tutti e sotto misura di testa insacca la sfera in rete. Al 57′ tenta la risposta il Gubbio con un tiro di Radi dal limite, Bindi si salva in tuffo. Al 62′ il Gubbio trova il pareggio: staffilata su punizione di Radi dal limite che sorprende Bindi e la palla si insacca sotto la traversa. Al 70′ Russotto lancia in profondità Madonia che a tu per tu con il portiere calcia alto. All’ 81′ Russotto serve Madonia in una posizione favorevole ma la sua conclusione non è precisa: la palla va alta. All’ 83′ Fioretti con una mezza rovesciata all’altezza del dischetto cerca la porta, palla che sfiora l’incrocio; all’ 84′ Di Chiara ci prova con un tiro dal limite ma la sfera si perde sul fondo. Al minuto 93 viene espulso Radi per un gesto a braccio alzato nei confronti di Germinale: cartellino rosso diretto. Finisce 1-1 a Catanzaro.

Tabellino: Catanzaro – Gubbio (1-1):
Catanzaro (3-4-1-2): Bindi; Rigione, Vitiello, Ferraro; Marchi, Morosini (46′ Fioretti), Benedetti, Sabatino (73′ Di Chiara); Russotto; Madonia (82′ Martignago), Germinale. (A disp.: Scuffia, Bacchetti, Catacchini, Casini). All. Brevi.
Gubbio (4-3-3): Pisseri; Bartolucci, Tartaglia, Radi, Ferrari; Sarr (82′ Giuliacci), Baccolo, Addae; Schetter (73′ Caccavallo), Falconieri, Falzerano (64′ Belfasti). (A disp.: Gozzi, Laezza, Molinelli, Luparini). All. Roselli.
Reti: 54′ Germinale (C), 62′ Radi (G).
Arbitro: Baroni di Firenze (Benedettino di Bologna e Greco di Taranto). Espulso: 93′ Radi (G). Ammoniti: Benedetti e Madonia (C); Sarr (G). Spettatori: 3307.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*