Canoa Club Castello, grande successo lungo il tevere

CITTA’ DI CASTELLO – Nonostante il maltempo, ha registrato un grande successo la nuova edizione di «La canoa è per tutti», l’evento organizzato dal Canoa Club di Città di Castello guidato da Sandro Paoloni e il Rotary Club del presidente Claudio Tomasucci, che si è svolto mercoledì 10 settembre a partire dalle 15. Una giornata davvero emozionante per tutti i disabili (e non solo) che sono arrivati lungo le sponde del corso d’acqua.

Il nucleo Saf (Speleo Alpino Fluviale) dei vigili del fuoco del distaccamento di Città di Castello hanno effettuato una esercitazione lungo le sponde del fiume: hanno simulato il salvataggio di una persona rimasta bloccata in mezzo al Tevere.

E così con corda, carrucole e canotto, gli impavidi pompieri hanno portato a riva la persona in difficoltà. Purtroppo, a causa del maltempo, l’elicottero dei vigili del fuoco non è potuto entrare in azione sopra il fiume.

E’ stata comunque una azione spettacolare che ha lasciato a bocca aperta i bambini affetti da problematiche psichiche o fisiche – provenienti da alcune strutture cittadine e non solo – che hanno solcato a bordo di canoe le acque del Tevere insieme ai campioni mondiali.

Al termine dell’evento c’è stato anche un momento conviviale a cui hanno partecipato i rappresentanti del mondo politico locale e non solo, insieme alle forze dell’ordine, ai vertici del Coni regionali e provinciali, ai rappresentanti delle associazioni di volontariato e dei Club locali.

«E’ stata una giornata davvero intensa di emozioni – ha detto il presidente del Canoa Club Sandro Paoloni – anche se la pioggia ne ha limitato la durata. Continueremo, comunque, questo tipo di evento e manifestazione: vorremmo che la nostra società e questo sport possa diventare un punto di riferimento per tutti i disabili e non solo.

Proprio per cercare di rafforzare l’unione fra tutti i cittadini e il Tevere, siamo all’opera per la realizzazione di una rampa dedicata a chi ha problemi psico motori e per tutte le forze dell’ordine. Non solo, ma siamo al lavoro anche per sistemare la nostra sede, abbattendo tutte le barriere architettoniche».

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*