Calcio, secondo scivolone per il Perugia, perde 5-1 con Pro Vercelli [FOTO]

La giornata non è iniziata sotto i migliori auspici

Calcio, secondo scivolone per il Perugia, perde 5-1 con Pro Vercelli

Calcio, secondo scivolone per il Perugia, perde 5-1 con Pro Vercelli

PERUGIA – Una batosta per il Perugia, la seconda! Dopo lo scivolone di Brescia ha cercato di rialzarsi ma senza un buon risultato. Federico Giunti alla vigilia ha caricato a dovere i suoi ragazzi, consci della grande occasione da sfruttare ad ogni costo. Il Perugia rimedia una delle più pesanti sconfitte interne della sua storia perdendo 5-1 contro la Pro Vercelli. La giornata non è iniziata sotto i migliori auspici: non è stato autorizzato da parte degli enti preposti l’ingresso allo stadio di uno striscione a favore dei lavoratori della Perugina. Decisione che non ha fatto mancare momenti di tensione. La Pro Vercelli dunque trionfa al Curi e conquista tre punti importanti. La Pro Vercelli gestisce meglio gioco e possesso palla, e dal 44′  è anche in superiorità numerica per un rosso diretto a Pajac per una gomitata a Vajushi. Giunti nella ripresa schiera Buonaiuto per Mustacchio, e il Perugia al 68′  riapre la gara con Belmonte, in rete di testa. Passano tre minuti, nuovo errore difensivo del Perugia. La giornata dei piemontesi finisce con un rigore trasformato da Vives e una rete di Morra in pieno recupero.

FORMAZIONI UFFICIALI: 

PERUGIA:  Rosati, Del Prete, Volta, Belmonte, Pajac, Bianco, Colombatto, Mustacchio, Falco, Bandinelli, Di Carmine. A disposizione: Santopadre, Brighi, Bonaiuto, Casale, Emanuello, Frick, Monaco, Nocchi, Choe,,Terrani, Zanon. All: Giunti

PRO VERCELLI:  Marcone, Berra, Legati, Bergamelli, Mammarella, Germano, Vives, Castiglia, Bifulco, Raicevic, Firenze. A disposizione: Altobelli, Barlocco, Bruno, Ghiglione, Gilardi, Konate, Morra, Polidori, Pugliese, Rovini, Vajushi. All: Grassadonia

ARBITTRO: Sig. Saia di Palermo

ASSISTENTI: Lanotte di Barletta – Lombardi di Brescia

IV UOMO: Di Martino di Teramo

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*