Un brutto Grifo torna a casa da Salerno con la sconfitta per 2-1

Senza Di Carmine, Guberti e Nicastro in attacco, i Grifoni hanno fatto quello che hanno potuto e fallito anche un paio di conclusioni interessanti

I Grifoni sono stati sconfitti dalla Salernitana per 2-1
I Grifoni sono stati sconfitti a Salerno per 2-1

Un brutto Grifo torna a casa da Salerno con la sconfitta per 2-1

da Marco De Ciuceis

Trasferta da dimenticare quella di Salerno per i Grifoni  che tornano a casa con un passivo di 2-1 e le pive nel sacco.

Volendo salvare qualcosa, di rilievo le sole prestazioni di Dezi, pure dato per acciaccato alla vigilia, e del solito monumentale Volta al centro della difesa. Da dimenticare invece le prestazioni di Didiba, che ha l’attenuante di aver giocato in un ruolo non suo da quarto o quinto rincalzo, e del secondo portiere Elezaj, talmente imbarazzante da dover a nostro parere far interrogare Goretti e Santopadre sulla necessità di scovare un secondo all’altezza di Rosati, che forse ci ha abituato troppo bene essendo stato sin qui sempre presente.

Il bilancio della prestazione difensiva è totalmente da dimenticare, con un gol e mezzo regalato agli avversari, che hanno segnato su una maldestra respinta che ha spalancato loro la via della prima marcatura con Donnarumma e, addirittura, con una rimessa laterale che Didiba ha incredibilmente battuto a favore della punta salernitana Coda, che ha fruttato l’assist d’oro che lo ha messo davanti ad Elezaj.

Senza Di Carmine, Guberti e Nicastro in attacco, il Grifo a Salerno ha fatto quello che ha potuto e fallito anche un paio di conclusioni interessanti con Drole, la cui vera specialità è il dribbling, ma deve crescere negli altri fondamentali, e con Acampora che ha calciato in maniera sbilenca un paio di conclusioni da fuori area.

Il gol su calcio di punizione di Dezi a tempo scaduto serve ad addolcire la pillola e per la classifica, ma non ha creato serie paure di poter pareggiare la partita ai padroni di casa.

Una trasferta, quella di questa ultima giornata del girone di ritorno, che conclude un ciclo negativo per il Perugia, che sostanzialmente dopo la trasferta a Verona ha visto spegnersi la luce, e che dovrà essere attentamente soppesata per capire come operare al meglio sul mercato di gennaio che sta per iniziare.

FORMAZIONI UFFICIALI

SALERNITANA (4-3-3): Terracciano; Laverone, Perico, Bernardini, Vitale; Busellato, Ronaldo (Zito 6′ st.), Della Rocca; Rosina (Improta 28′ st.), Coda, Donnarumma (Caccavallo 21′ st.). A disp.: Liverani, Iliadis, Franco, Luiz Felipe, Tuia, Zito, Joao Silva, Caccavallo, Improta. All.: Alberto Bollini.

PERUGIA (3-5-2): Elezaj; Didiba, Volta, Belmonte, Di Chiara; Acampora (Traorè 37′ st.), Zebli (Ricci 14′ st.), Dezi; Drole, Bianchi, Buonaiuto (5′ st. Zapata). A disposizione: Santopadre, Alhassan, Traore, Ricci, Imparato, Vicaroni, Zapata. Allenatore: Cristian Bucchi.

Arbitro: Aureliano di Bologna.

Assistenti: Cristina Rossi di La Spezia e Mauro Galetto di Rovigo.
IV uomo: Ivan Pezzuto di Lecce.

Reti: 16′ Donnarumma, 34′ st. Coda (S), 46′ st. Dezi (P)

Angoli: 6 – 6

Ammonizioni: Vitale (S)

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*