Biliardo, boccette: il KIWI vince il campionato

Al Circolo Sportivo il KIWI di via Pievaiola a Perugia hanno festeggiato con le “bollicine” la vittoria nel campionato regionale sezione boccette della serie A/1, la massima divisione in cui hanno conteso 19 squadre. E oltre ai giocatori di capitan “orso”, che sembrava aver trovato una riserva di miele da gustare, c’erano anche i giocatori delle altre due squadre KIWI, c’erano tanti amici e tanti sportivi che hanno seguito dalle tribune e dal mega schermo le partite dell’ultima giornata. E’ terminato 6 a 0 l’incontro con il Biliardo Più 2, sconfitto anche all’andata con lo stesso punteggio.

Alessandro Forlimbergi, Mirco Bernasconi, Leonardo Mariani, Roberto Forlimbergi, Umberto Apicella, Giulio Ribigini, Giacomo Pulci e Fabrizio Ermasi: “capitan orso” sono stati letteralmente portati in trionfo tra i biliardi del KIWI cantando la nota canzone della vittoria. Partiti in sordina, partita dopo partita, i giocatori del team Umbria Giochi, sollecitati sempre da patron Silvio sono riusciti, nel rush finale, ad accumulare punti preziosi che, alla fine, li hanno portati a conquistare il titolo regionale. “E’ una grande soddisfazione – ha detto il capitano – soprattutto perché siamo tutti del “vivaio” del KIWI, non ci sono giocatori da fuori, delle Marche e della Romagna, e quindi la nostra vittoria è prettamente umbra, perugina e questo ci inorgoglisce”.

“Il biliardo umbro, la sezione boccette di cui sono presidente regionale – ha detto Rossano Mazzetti – è cresciuto molto anche grazie alla struttura del KIWI che, come hanno riconosciuto grandi giocatori, pluricampioni italiani, è veramente un vero “tempio del biliardo”. La crescita degli iscritti di livello agonistico in Umbria è un dato che mi riempie di soddisfazione, segno che tutti abbiamo lavorato bene. E la conquista dell’ingresso tra i 16 master d’Italia del folignate Proietti è un esempio lampante che apre anche ad altri giocatori umbri l’ingresso in questa prestigiosa categoria.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*