Bastia Umbra, la Edil Rossi Bastia si carica per il derby di domenica a Todi

Ubertini SerenaTermina domenica il faticoso mese di marzo per la Edil Rossi Bastia che è chiamata ad affrontare il quinto dei sei derby umbri previsti dal calendario di serie B1 femminile. Una trasferta che non varca i confini regionali quella che oppone alla Todi Volley, matricola della terza categoria nazionale alla ricerca di punti preziosi per guadagnare la propria salvezza. Nonostante una classifica diametralmente opposta, sei vittorie e quattordici sconfitte le tuderti, quattordici vittorie e sei sconfitte le bastiole, si è visto anche nel confronto di andata che il confronto non può avere un risultato già scritto. Due squadre che stanno attraversando differenti situazioni ma che guardano con un occhio particolare alle rispettive ambizioni di classifica, favorendo lo sviluppo di un match che nasce all’insegna dell’agonismo. La ventunesima giornata di campionato non mancherà di fornire uno spettacolo di alto livello e le opposte fazioni di sportivi approfitteranno dell’occasione per raggiungere il palazzetto di Ponte Naia domenica 30 marzo alle ore 17,30. Le padrone di casa guidate dal tecnico Dario Sanna tra le mura amiche possono essere molto pericolose, ne sa qualcosa l’attuale capolista Filottrano che è stata una delle vittime più illustri. Rispetto all’andata Todi potrebbe presentare qualche novità avendo cambiato assetto spesso negli ultimi tempi con l’universale Natascia Mancuso in grado di ricoprire efficacemente più ruoli e con la centrale Fabiana Antignano che è lo spauracchio a muro. Le ospiti allenate da Francesco Tardioli sono comunque pronte a farsi valere, la possibilità di raggiungere la zona play-off ancora non è preclusa e la voglia di confermare l’imbattibilità nei confronti tra umbre è ben presente. L’appuntamento è stato preparato a dovere potendo contare su di una regista come Eleonora Gatto che attraversa un’ottima condizione, ma anche coscienti che buone garanzie le sta fornendo la schiacciatrice Serena Ubertini.

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*