Basket donne, Universiade, intervista a Giovanna Pertile

Direttamente a Gwangju, Corea del Sud, dove si sta disputando la XXVIII Universiade, abbiamo contattato Giovanna Pertile, che con la maglia della nazionale italiana sta disputando il torneo di basket, anche con buone prove personali (segnando 5 punti contro le fortissime statunitensi e poi andando in doppia cifra sia contro Rep. Ceca che Cina), nonostante la formazione diretta dal c.t. Ricchini non sia riuscita a qualificarsi per  i quarti di finale (saltato così l’incrocio con il Canada di Wumi Agunbiade) e da giovedì sarà impegnata nelle partite per definire la classifica dal 9° al 16° posto.

Ecco le primissime dichiarazioni che Giovanna, con grande disponibilità, ha rilasciato da giocatrice di Umbertide.

Con che emozioni ti appresti ad affrontare questa nuova tappa della tua carriera a Umbertide?

Sono molto felice di avere la possibilità di far parte di questa società, ho una gran voglia di giocare e di imparare.. sono pronta!

Cosa conosci di Umbertide dal punto di vista del basket e0 non solo? Che impressioni hai avuto quando l’hai affrontata da avversaria nelle ultime due stagioni?

Dal punto di vista cestistico Umbertide ha sempre disputato buoni campionati, ottenendo ottimi risultati; le partite che ho giocato da avversaria sono sempre state delle battaglie e penso che comunque in quei match si sia vista un’ottima pallacanestro. Umbertide come città la conosco abbastanza perché sono amica di Veronica Dell’Olio e quando lei ci giocava sono venuta un paio di volte a trovarla. In più i miei zii sono di Perugia, quindi diciamo che forse era destino che arrivassi!

Quali sono i tuoi obiettivi e le tue speranze per la prossima stagione? Vuoi mandare un saluto/messaggio ai tuoi nuovi tifosi?

Il mio obiettivo è quello di migliorare ogni giorno e raggiungere il miglior risultato possibile; ai tifosi voglio dire di seguirci e incitarci sempre, soprattutto nei momenti di difficoltà, sarete il sesto uomo in campo! E soprattutto divertiamoci!

Il prossimo anno troverai un allenatore come Lollo Serventi che ha sempre lavorato molto bene con le giovani, lanciando tanti talenti. Che esperienza pensi potrà essere lavorare con lui?

Ho scelto Umbertide perché cercavo un posto dove migliorare e perfezionarmi ogni giorno, e penso che Serventi sia l’allenatore giusto per questa mia ambizione. Sarà un’avventura ricchissima!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*