Basket donne, Umbertide vince l’amichevole contro Orvieto

Basket donne, Umbertide vince l'amichevole contro Orvieto

La prima partita amichevole della stagione è sempre un momento particolare, la prima verifica in un contesto agonistico del lavoro svolto. In questi match il risultato è l’aspetto meno importante, contano soprattutto le risposte della squadra. E da questo punto di vista nel match disputato dalla Pallacanestro Femminile Umbertide contro Orvieto sono arrivati principalmente segnali positivi. La formazione di coach Serventi si è imposta in tre dei quattro quarti (ogni 10 minuti il punteggio veniva azzerato), pareggiando nella terza frazione, quella paradossalmente dove forse si erano viste le migliori cose, ma nella quale Orvieto ha saputo sfruttare trenta secondi di appannamento della PFU per rientrare. 18-12, 20-19, 22-22 e 21-12 i parziali per un punteggio complessivo di 81-65, Comunque nonostante i pesanti carichi di lavoro di questi giorni e del ritiro sul Monte Amiata (la squadra si era allenata anche al mattino), nonostante l’assenza di due delle tre straniere (oltre a Simmons che arriverà martedì prossimo, non c’era neppure Agunbiade a riposo precauzionale) e una rotazione ridotta a sei giocatrici senior, la squadra è riuscita a tenere per tutto il match un ritmo abbastanza alto, correndo sempre quando possibile, mostrando, al netto dei fisiologici errori dovuti alla stanchezza che abbassa la lucidità, ottime cose sia in difesa, dove ha forzato Orvieto a tantissime palle perse, e in attacco, dove c’è stata un’ottima distribuzione, con ben sei giocatrici in doppia cifra. In particolare importanti i 23 punti di Ilaria Milazzo, alla prima partita vera 11 mesi dopo l’infortunio al crociato subito contro Venezia nell’ottobre 2014. Orvieto ha iniziato la preparazione da soli 10 giorni, ma aveva la formazione al completo, con tutte le straniere (pur avendo perso Baldelli per una contusione dopo pochi secondi di partita) e quindi rappresentata un test probante. La formazione della rupe ha messo in luce un’ottima Dietrick da 24 punti, confermando così le referenze positive sul prodotto di Princeton, ma per larghissima parte dei 40 minuti l’inerzia del gioco è stata dalla parte di Umbertide. La partita, disputata nel Palazzetto di Abbadia San Salvatore e ultimo atto del ritiro al Monte Amiata che ha visto la PFU allenarsi all’ombra dell’Abbazia del 1100 e soggiornare a Piancastagnaio, si è svolta di fronte a un pubblico abbastanza numeroso, con tanti tifosi scesi da Umbertide per assistere alla prima uscita stagionale della squadra, in testa il presidente dott. Paolo Betti. Presenti anche la vicepresidente avv. Claudia Lisetti e la famiglia Costa, a partire dall’ing. Daniele e dal fratello Corrado.

I primi due punti della stagione di Umbertide portano la firma di Ivana Tikvic che dalla lunetta è precisa. Pareggia Dietrick con una delle armi migliori della casa, il piazzato dalla distanza, ma poi Orvieto salta un giro in difesa e Pertile ne appoggia due facili facili. Poi Milazzo brucia la retina con una delle sue triple, dopo due minuti della sua prima partita a undici mesi dall’infortunio al crociato contro Venezia. Bentornata Ilaria! E non sarà la sua unica bomba della giornata. Bove risponde con un elegante arresto e tiro dalla media. Poi però Milazzo pesca Tikvic a centro area e Sarni trova il primo canestro dell’ex con un bel gancio siglano l’11-4 che costringe Romano al time-out. Orvieto riaccorcia con due liberi di Dietrick e un canestro di Wicijowski, ma Dell’Olio piazza una tripla frontale che riallarga il gap. L’Azzurra Ceprini resta attaccata con il sottomano di Dietrick, ma Pertile in penetrazione arriva fino al capolinea. Capolicchio ruba una palla e scappa via in uno contro zero per un facile appoggio, ma sulla sirena lo scarico di Moroni per Dell’Olio vale il 18-12 sul quale Umbertide chiude il primo quarto.

In avvio di secondo quarto c’è spazio anche per Federica Giudice. La frazione si apre con l’1/2 di Milazzo ai liberi, ma poi Orvieto prova ad allungare con i canestri delle sue due nord-americane, inducendo Serventi al time-out. Sarni brucia la retina dai sei metri e Tikvic dalla lunetta sigla il sorpasso. Milazzo dal gomito risponde a Dietrick dalla lunetta, poi la tripla della stessa americana va a bersaglio con un notevole aiuto del ferro e del tabellone. Tikvic e Dell’Olio ai liberi rimettono avanti Umbertide, Ivanova sempre dalla lunetta si iscrive al tabellino, ma ancora Milazzo colpisce piedi sull’arco. Per un paio di minuti si segna solo dalla lunetta, Tikvic e Wicijowski fanno 1/2, Dietrick è precisa e poi chiude bene in acrobazia anche un contropiede. Moroni con un bell’arresto pareggia il parziale del quarto e poi l’azione successiva scippa Mancinelli e vola via ad appoggiare il 17-15 Umbertide. Che si tratti della prima partita stagionale per entrambe le formazioni si vede anche dal gran numero di falli che le due squadre commettono. Così quasi ogni azione nel finale del secondo quarto termina con una gita in lunetta. Ivanova e Sarni fanno 2/2, anche Chiara Fusco mette un libero. L’ultimo canestro del parziale è di Wicijowski che sfrutta un mismatch favorevole in una situazione di transizione, ma alla sirena il punteggio dice 20-19 Umbertide che così si aggiudica anche il secondo quarto.

Moroni inaugura il terzo quarto slalomeggiando tra la difesa orvietana e arrivando fino al canestro, Ivanova mette un libero, poi la difesa dell’Azzurra lascia completamente libera Milazzo che appoggia indisturbata e sale in doppia cifra. Di Gregorio mette un piazzato per tenere Orvieto a contatto. Milazzo con 4 punti di fila (un canestro in penetrazione e un piazzato dalla media) prova a far scappare Umbertide che alza la voce anche in difesa e recupera diversi palloni, ma la ricerca di un ritmo sempre alto unita alla stanchezza per i carichi di lavoro di questi giorni porta a qualche errore fisiologico, tipo quello di cui approfitta Di Gregorio per guadagnarsi un gioco da 3 punti che rimette Orvieto a -2. Orvieto però fa davvero fatica a costruire in attacco e Umbertide può allungare ancora con il piazzato di Tikvic dopo l’1/2 di Milazzo in lunetta. Moroni ruba un’altro pallone e vola ad appoggiare il 13-6. Per tornare a segnare la formazione in maglia rossa ha bisogno di due liberi di Di Gregorio, peraltro maturati da un fallo a rimbalzo d’attacco di Umbertide, ma l’inerzia non cambia: Orvieto continua a perdere palloni e Moroni rimette a +7 la sua formazione. Wicijowski dopo quasi 5 minuti torna a far segnare la Ceprini dal campo, ma Sarni le risponde subito con mano morbida. Poi Milazzo spara un’altra tripla: il tabellone recita 20-10 quando manca poco più di un minuto alla fine del parziale. Sembra fatta per il 3/3 di Umbertide nei quarti, ma il basket si conferma una sport imprevedibile, dove basta un episodio a cambiare completamente l’inerzia. Dietrick prende la linea di fondo, segna e subisce anche il fallo. Sbaglia il libero, ma si rifa l’azione successiva piazzando una tripla. Umbertide quindi sbaglia per due volte consecutive la rimessa da fondo campo e consente alla stessa Dietrick e a Wicijowski di prolungare il break che recita 9-0 Orvieto in poco più di 30 secondi. Veronica Dell’Olio con un piazzato riporta a +3 Umbertide, ma proprio sulla sirena Wicijowski si guadagna un gioco da 3 punti che fa terminare in parità sul 22-22 il quarto.

Milazzo apre le marcature nel quarto periodo scippando Capolicchio, poi Ivanova segna i suoi primi punti dal campo con una bella penetrazione dalla sinistra. La stanchezza inizia a farsi sentire per entrambe le squadre, aumentano gli errori, ma Milazzo piazza un’altra tripla e Pertile con il piazzato danno il primo allungo a Umbertide, ma Capolicchio rintuzza con una tripla e Bove di fisico trova il 7-7. Dopo il time-out Orvieto lascia le straniere in panchina, la difesa di Umbertide funziona bene e tira giù la serranda, in attacco Tikvic si fa valere nel pitturato e ci mette quattro punti, così come Dell’Olio che torna a colpire dai 6,75 metri. Due liberi di Pertile portano a 10-0 il parziale, interrotto solo dal libero di Mancinelli e da un bel canestro di Bove. Anche Giovanna Pertile sale in doppia cifra con un bel gancio. C’è ancora tempo per due liberi di Mancinelli e per un pregevole canestro di Sarni che fissano il punteggio del parziale sul 21-12.

Per avere conferme o smentite di quanto visto in questa partita non basterà che attendere poche ore. Sabato pomeriggio a Bagnoregio (Vt) infatti le due formazioni torneranno a sfidarsi alle ore 18.

Pallacanestro Femminile Umbertide – Azzurra Ceprini Orvieto 18-12, 20-19, 22-22, 21-12

Umbertide: Tikvic 14, Sarni 10, Pertile 10, Milazzo 23, Moroni 10, Dell’Olio 13, Fusco 1, Giudice, Cabrini ne, Conti ne, Gaggiottini ne. All. Serventi

Orvieto: Wicijowski 14, Bove 4, Ivanova 6, Dietrick 24, Baldelli, Mancinelli 3, Gaglio 2, Capolicchio 5, Miccoli, Di Gregorio 7. All. Romano

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*