AUTOMOBILISMO, TEST SPORTIVI PER NEOPATENTATI: SELEZIONATI IN QUATTRO

corsi guida sportiva autodromo magione Automobile club perugia
corsi guida sportiva autodromo magione Automobile club perugia
corsi guida sportiva autodromo magione Automobile club perugia

(umbriajournal.com) by Avi News MAGIONE – Test su pista per saggiare la attitudini e le abilità dei ragazzi rispetto agli sport motoristici. Sono quelli che circa 20 studenti neopatentati delle scuole superiori di Gubbio hanno affrontato sul circuito dell’autodromo dell’Umbria, a Magione. L’iniziativa, la prima nel suo genere in Umbria, è nata da un’idea del presidente dell’Automobile club di Perugia, Ruggero Campi, con l’intenzione di avvicinare i ragazzi a questo tipo di sport e accompagnarli in un percorso di formazione “nella speranza – ha spiegato – che qualcuno di loro voglia, poi, indossare il casco e la tuta”. Un modo, insomma, per scoprire, sotto l’occhio vigile e il supporto tecnico di professionisti del settore, se dietro giovani automobilisti si nasconda la stoffa di un pilota. Quattro i ragazzi selezionati, due uomini e due donne, a seguito dei test teorico pratici in cui sono stati guidati dagli istruttori del Centro nazionale per l’educazione alla sicurezza stradale (Cness) Roberto Papini e Lorenzo Marini. “I partecipanti – ha spiegato Papini – hanno affrontato un corso di guida sicura di primo livello con l’aggiunta di una prova pratica di abilità su un’auto da competizione e alcuni hanno dimostrato una predisposizione particolare. È stata una sorpresa veder emergere nel gruppo due ragazze che hanno dimostrato abilità in uno sport ancora prevalentemente maschile”. I ragazzi selezionati saranno adesso ricontattati per capire se sono interessati a proseguire la formazione e l’avvinamento agli sport motoristici attraverso un percorso guidato dalla federazione sportiva automobilistica che è l’Aci. “La nostra – ha concluso il presidente Campi – è un’iniziativa molto particolare che vogliamo portare avanti allargandola alle principali città umbre attraverso dei progetti con le scuole”.

 

Carla Adamo

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*