Ardemagni porta il Grifo a San Siro

anza); Giannone (1′ st Sinigaglia), Arma, Siega (43′ st Di Nicola). A disp.: Graziano, Castellana, De Biasi, Ceccarelli, Messetti. All.: Colombo.

ARBITRO: Pairetto di Nichelino (Cangiano – Capaldo). IV uomo: Marinelli.

MARCATORI: 21′ pt Siega (Re) , 23′ pt e 2′ st rig. Ardemagni (Pg), 27′ st Lanzafame (Pg)

NOTE: spettatori: 3000 Ammoniti: Di Giosia (Re), Rossi (Pg) Angoli: 1-3. Recupero: 1′ pt; 4′ st

Il Perugia stacca il biglietto per la “scala del calcio italiano”. Sarà infatti la squadra di Bisoli ad affrontare il Milan a San Siro per il terzo turno di Coppa Italia. Nella prima uscita ufficiale al “Curi” i grifoni hanno liquidato la Reggiana (3-1), grazie ad una doppietta di Ardemagni e ad un bel gol di Davide Lanzafame. Una partita non certo agevole, perchè l’avversario emiliano, se pur di una categoria inferiore, si è presentato in Umbria senza timori reverenziali, giocando un buon primo tempo e trovando anche il vantaggio (21′ pt Siega). La truppa di Bisoli ci ha messo un po’ a carburare e ci è voluto il “solito” Ardemagni per rimettere in carreggiata la partita e trovare la via della qualificazione. Il bomber ha siglato subito il pareggio e ad inizio ripresa ha spinato la strada del successo su calcio di rigore, poi sancito dalla prodezza di Lanzafame. Una vittoria importante, che regala la prima vera soddisfazione stagionale e l’occasione di tornare a giocare in uno stadio e contro un avversario di primissimo piano. Come qualche anno fa, ma senza grosse pressioni. Esserci arrivati è già un successo. Appuntamento, probabilmente, per il 17 agosto: il Milan ha chiesto di posticipare di due giorni la data dell’incontro, originariamente programmato per il 15.

CRONACA: Per la prima ufficiale al “Curi”, Bisoli presenta il Perugia con il 4-2-3-1, orfano degli squalificati Volta e Del Prete e degli infortunati Parigini e Belmonte. Davanti a Rosati, c’è l’esordio in biancorosso per il giovane scuola Fiorentina Mancini e per il fluidificante ex Latina, Alahssan. Con loro l’esperienza di capitan Comotto, tornato terzino e del redivivo Rossi. In mezzo tanta corsa e grinta con la coppia Salifu-Rossi. Sulla trequarti, con rigorosi compiti di copertura, il tecnico emiliano schiera il trio Fabinho, Di Carmine e Lanzafame, con quest’ultimo riportato nell’originario ruolo di esterno. Davanti c’è Matteo Ardemagni, che ha recuperato dalla botta subita nell’amichevole contro il Bari. L’avvio di gara non è frizzante. La Reggiana prova a pungere con il tridente offensivo (Giannone, Arma e Siega), il Perugia copre e riparte. Al 12′ Ardemagni entra in area dalla zona sinistra, ma la conclusione non inquadra la porta. Qualche minuto dopo (16′) ci prova Fabinho: tiro dai venti metri e palla che esce di un soffio. Al prima, vera, incursione offensiva la Reggiana trova il gol. E’ il 21′ quando Giannone piazza in area un cross per la testa di Siega, che anticipa Comotto e beffa Rosati. Il Grifo subisce la botta ma reagisce subito. Ardemagni (23′) si ritrova sui piedi un pallone vagante dalla sinistra e non perdona, 1-1. Ritrovato l’equilibro la partita si addormenta. Lanzafame ci prova su punizione ma senza fortuna. In avvio di ripresa la Reggiana prova a dare maggior peso all’attacco, dentro Sinigaglia per Giannone. Neanche due minuti, però, il Perugia si porta in vantaggio. Ardemagni entra in area e viene platealmente atterrato da Di Giosia: calcio di rigore e ammonizione per il difensore emiliano. Dal dischetto si presenta lo stesso bomber biancorosso, che non sbaglia: 2-1. Ardemagni ci riprova al 22′, su ottimo invito di Salifu (instancabile) ma la conclusione è debole e il portiere respinge. La Reggiana si fa vedere un paio di minuti dopo con una punizione di Bruccini, con Rosati che fa buona guardia. La partita di infiamma, Lanzafame imbecca Ardemagni che da buona posizione calcia sul portiere, sulla respinta arriva Rizzo che trova la prodigiosa respinta del difensore Spanò. Il tris è nell’aria e al 27′ lo sigla Lanzafame, che raccoglie al limite un pregevole assist di Ardemagni e di destro non lascia scampo a Perilli (3-1). Nel finale brividi per Rosati: la punizione Frascatore si stampa sulla traversa. Esordio con la maglia biancorossa per il neo acquisto Zapata, subentrato al 45′ a Lanzafame. 

(fonte: www.sportperugia.it)

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*