Primi d'Italia

AC Perugia Calcio, Galustian e il Coerver Coaching a Perugia

AC Perugia Calcio, Galustian e il Coerver Coaching a Perugia

Il maestro del Coerver Coaching a Perugia, terminato corso

“Ho svolto corsi in 42 paesi del mondo e questo qui a Perugia è stato uno dei più professionali”. Così Alfred Galustian, il fondatore del metodo Coerver Coaching, ha voluto commentare la due giorni di corso che ha visto partecipare quasi 200 tecnici di settori giovanili compresi quelli delle società affiliate.

“Ho lavorato con 51 club professionistici – continua Galustian – ma la passione che c’è qui in Italia per il calcio va oltre ogni logica. Il mio desiderio è quello di poter tornare a lavorare qui a Perugia”.

Il corso è stato incentrato sulla “Piramide di sviluppo del calciatore” che ha come obiettivo quello di insegnare la metodologia di allenamento più efficace e divertente per lo sviluppo della tecnica individuale creando calciatori creativi e sicuri dei propri mezzi in campo. L’abilità individuale dovrà essere poi applicata nel gioco di squadra. Il metodo è più efficace nella fascia d’età 6-12 anni ma sempre rivolto al lungo termine, mai nel breve periodo.

Emblematica la frase che Galustian ha riportato nella conferenza stampa di presentazione svoltasi presso il Best Western “Hotel Quattrotorri” di Ellera che ha ospitato in questi due giorni la parte teorica del corso. “Per sviluppare un giocatore devi prendere dei rischi. Attaccare vuol dire rischiare. La mentalità, anche italiana, è non rischiare”.

Il teatro delle dimostrazioni pratiche di Galustian e dei tecnici che compongono la Coerver Coaching Italia è stato il “Renato Curi”. “Anche questo è una dimostrazione di professionalità e attenzione – ha dichiarato uno dei collaboratori – altre volte abbiamo dovuto lavorare su campi periferici”. Dominio e controllo della palla, velocità, movimenti  1 vs 1 e 2 vs 2 con le categorie Giovanissimi Sperimentali 2003, Esordienti 2003 e Giovanissimi Provinciali 2002 del Perugia Calcio che hanno fatto da cavie per la spiegazione degli esercizi. Chi con l’Ipad, chi con il telefono, chi con la macchietta digitale non si è voluto perdere nemmeno un minuto della spiegazione di Galustian. “E quando potremo avere l’occasione di poter assistere ad sua una lezione – ha commentato un rappresentante di un’affiliata. Se pensiamo che dopo Manchester City, Arsenal, Bayern Monaco e Benfica oggi è qui a Perugia mi vengono i brividi”.

Inutile sottolineare la soddisfazione del Direttore Generale AC Perugia Calcio Mauro Lucarini, da anni promotore di tale metodo. “Questo evento – ha spiegato emozionato – ci ricompensa del tanto impegno sia da parte mia che di tutti i collaboratori che stanno credendo ad un calcio pieno di fantasia e qualità. Per il Perugia deve essere un punto di partenza come dovrà essere uno stimolo per le società affiliate proseguire su questa strada. Oltre a tante valide persone con le quali abbiamo condiviso questo grande evento non può mancare un grazie speciale ad Alfred Galustian che ha dimostrato qualità, semplicità ed umiltà pur sapendo di essere un punto di riferimento per tutti”.

Commenti positivi anche da Luca Frigerio, Direttore Generale di Coaching Calcio Italia, la società che si occupa dell’organizzazione degli eventi. “È la terza volta che torno a Perugia – dice – e ogni volta è come tornare a casa. La passione, l’umanità e la disponibilità di Galustian e Lucarini ci danno la spinta per fare meglio. Ma fatemi ringraziare anche tutto lo staff di Coaching Italia”.

Ma i numeri dell’evento è Saimir Brahushi, Responsabile Comunicazione Coaching Calcio Italia, a spiegarli. “Le lezioni di Galustian erano disponibili via streaming. Durante la diretta abbiamo avuto 404 client unici e 534 streaming con collegamenti provenienti anche da Stati Uniti, Olanda, Malta e Regno Unito. Non possiamo che essere estremamente soddisfatti. Sto scoprendo anche io questo metodo che privilegia la crescita calcistica dei ragazzi è per me un orgoglio aver lavorato con Galustian e tutto lo staff del Perugia Calcio”.

Non è potuto essere presente Paolo Gatti, fondatore Coaching Calcio Italia, che però non ha fatto mancare il proprio saluto. “Sono 19 anni che collaboro con Galustian e Cooke (altro pioniere del metodo ndr) – dice – e ripeto le parole che loro stessi portano in giro: “vi diamo in mano le carte per giocare che poi saranno i giocatori a scegliere nella situazione della partita”. Attualmente Stati Uniti, Canada, Giappone e Australia adottano totalmente il metodo mentre in Italia ci sono ancora delle difficoltà. Sicuramente il Perugia sta un passo avanti rispetto agli altri”.

Un ringraziamento va anche agli altri componenti dello staff del Coerver Coaching presenti al Curi: Lorenzo Sodero, docente e nell’occasione traduttore di Galustian, Marco Brunetti e Antonio Cincotta – docenti, Gabriele Gallicchio – Direttore tecnico, Panos Sainidis – Coerver Coaching Grecia, Stefan Sogor – Coerver Coaching Slovacchia, Rainel Woerdings – Coerver Coaching Olanda.

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*