Violenza di genere; servizio “codice rosa”, siglato protocollo in Regione

PERUGIA – Qualificare  ed ampliare  il sistema regionale dei servizi di contrasto alla violenza di genere: è quanto si propone il protocollo d’intesa sottoscritto oggi, a Palazzo Donini, per l’istituzione in Umbria del servizio  “Codice rosa” nei principali Pronto soccorso delle Aziende sanitarie e ospedaliere umbre. Il codice rosa è un codice virtuale di accesso al Pronto soccorso  che si affianca ai codici di “triage” (rosso, giallo, verde e bianco). Si tratta di una procedura di intervento per riconoscere e rilevare casi di violenza sessuale,  maltrattamenti o stalking sulle donne, attraverso uno specifico percorso di accoglienza che garantisce la privacy e l’incolumità fisica e psichica delle vittime.

A sottoscrivere il protocollo la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini,  i rappresentanti dei Comuni di Perugia, Terni ed Orvieto, l’Anci Umbria, le Questure di Perugia e di Terni, le Aziende sanitarie umbre (Usl 1 e 2 Umbria), le  Aziende ospedaliera di Santa Maria della Misericordia di Perugia e di  Santa Maria di Terni  e le associazioni “Liberamente Donna” (responsabile dei Centri antiviolenza di Perugia e Terni) e “L’albero di Antonia” (responsabile del Centro antiviolenza di Orvieto).

  Obiettivo dell’Accordo  è l’attivazione  del servizio nelle Aziende ospedaliere di Perugia e Terni e negli ospedali di  Città di Castello, Foligno, Spoleto ed Orvieto, con la  messa  a disposizione di spazi adeguati e di equipe integrate multiprofessionali, debitamente formate, che lavorano in stretto contatto  con i Comuni e gli altri soggetti del sistema regionale dei servizi di contrasto della violenza di genere.

E’ prevista la  messa a disposizione nelle  sedi  interessate di un ambulatorio non identificabile,  una “stanza rosa”,  dove la vittima riceve assistenza medica e psicologica e dove, se occorre, può incontrare le Forze dell’ordine e fare denuncia. Qui, tenendo conto delle specificità organizzative dei singoli ospedali, sarà presente un  kit  per esami biologici,  il refertamento fotografico e  cartelle cliniche guidate, così da  fornire dati utili anche all’Autorità giudiziaria e supporti informatici accessibili alle Forze dell’Ordine.

“Con la firma di oggi – ha detto la presidente Catiuscia Marini – si dà attuazione ad un impegno assunto dalla Regione Umbria per una più efficiente organizzazione della rete dei servizi, delle associazioni e del volontariato nell’azione di contrasto e di prevenzione alla violenza di genere”. “E in questo quadro – ha proseguito Marini – la rete dei servizi sanitari, ed in particolare i pronto soccorso,  costituiscono un anello importantissimo come luogo di accoglienza  e di assistenza alle donne vittime di violenza,  anche quando questa non viene esplicitamente segnalata o denunciata.

Un luogo ‘privilegiato’ per cogliere segni, aspetti e problematiche che altrove sarebbe più  difficile individuare e da cui coinvolgere, secondo un percorso condiviso ed integrato, tutti i soggetti che a vario titolo sono chiamati ad accompagnare,   sostenere, assistere e aiutare le vittime. Alle aziende sanitarie – ha proseguito Marini –,  che possono contare su oltre 200 operatori e operatrici già formati attraverso specifici progetti, spetterà di dare attuazione al servizio codice rosa secondo il modello organizzativo predisposto e coordinato dall’assessorato regionale alla sanità.

Le  Forze dell’ordine, che hanno ricevuto una formazione specialistica anche rispetto ad  azioni di prevenzione, valuteranno tra gli altri gli elementi utili per l’avvio  di indagini, il monitoraggio ed il  controllo delle  situazioni a rischio nei casi di mancata denuncia. Comuni e associazioni firmatarie  – ha concluso la presidente – concorreranno rispettivamente all’integrazione del progetto con i servizi sociali territoriali  e al collegamento con i  Centri antiviolenza e il sistema dei servizi di contrasto della violenza per l’eventuale presa in carico”.

Il progetto, che ha durata annuale, sarà oggetto di monitoraggio e valutazione partecipata. L’iniziativa  consentirà di incrementare la raccolta dei dati sulla violenza di genere  e familiare da parte dell’Osservatorio regionale sulla violenza e di  consolidare la rete dei servizi di contrasto e prevenzione alla violenza, attraverso  l’acquisizione di procedure,  pratiche ed azioni comuni.  Sono previste anche  azioni di sensibilizzazione e informazione sul fenomeno del maltrattamento nei confronti dei medici di medicina generale e pediatri di famiglia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*