TEMPO DI QUARESIMA, TORNA LA “GRANDE RACCOLTA DI VIVERI”

viveri raccoltiQuest’anno è il cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti a prendere carta e penna per ricordare ai parroci dell’Archidiocesi di Perugia-Città della Pieve l’ultradecennale iniziativa della “Grande raccolta viveri” per le popolazioni in difficoltà delle Ande peruviane, promossa ancora una volta in tempo di Quaresima da Caritas diocesana, Operazione Mato Grosso e Pastorale diocesana giovanile.

L’edizione 2014, che ha anche un valore pedagogico per le centinaia di ragazzi e ragazze coinvolti, ha una particolarità non trascurabile: il ricavato servirà anche al fabbisogno dei vari centri di ascolto e distribuzione parrocchiali dove sono in crescente aumento le richieste di aiuti materiali.

La “Grande raccolta viveri”, scrive il cardinale Bassetti nella sua lettera inviata ai parroci dell’Archidiocesi, è “un’iniziativa che cerca di unire le parrocchie in un grande progetto di carità cristiana” e “parte dal pensiero costante verso la povertà e la sofferenza di chi è privo di ogni cosa e abbandonato a se stesso. Ormai da tredici anni, con il sostegno dei nostri ragazzi e dei formatori che li accompagnano nel cammino di crescita, i giovani del movimento Operazione Mato Grosso, inviano nelle loro missioni numerosi quintali di viveri. Alcuni di questi volontari, attualmente residenti in Perù, sono persone appartenenti alla nostra Archidiocesi”.

“Tenendo presente le necessità e i bisogni di aiuto e assistenza, presenti anche all’interno delle nostre parrocchie – conclude il porporato – i ragazzi del Movimento, in accordo con la Caritas diocesana, hanno pensato di poter dividere il ricavato della “Raccolta viveri 2014”, qualora ce ne sia la richiesta, con le singole realtà parrocchiali”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*