Unipegaso

Sfratti, per assessore Vinti: “Situazione in miglioramento, ma grave”

Anche a Città di Castello è stato presentato il bando Ater Umbria per "sfratti incolpevoli"
Anche a Città di Castello è stato presentato il bando Ater Umbria per "sfratti incolpevoli"
Anche a Città di Castello è stato presentato il bando Ater Umbria per “sfratti incolpevoli”

Il Ministero dell’Interno ha fornito i dati sugli sfratti relativi all’anno 2013: in Italia le sentenze di sfratto sono state ben 73.385, di queste 65.302 sono state causate da morosità incolpevole dell’inquilino, 5.424 per finita locazione e le restanti per necessità del proprietario, secondo quanto previsto dalla legge. Rispetto al 2012 le sentenze di sfratto vedono un aumento del 4,37 per cento. Le richieste di esecuzione degli sfratti mediante forza pubblica  sono state 31.399, con un aumento del 7,70 per cento rispetto al 2012.   A rilanciare i dati del Ministero è l’assessore regionale alle Politiche della casa, Stefano Vinti, per il quale “questi numeri palesano quanto sia  necessario ed urgente che il governo Renzi emani il decreto attuativo relativo alla morosità incolpevole,(art. 6 comma 5 della legge n. 124 del 2013), fermo ormai da otto mesi”.

Per l’assessore Vinti “ulteriori ritardi rischiano di aggravare la situazione, sia degli inquilini, che vedono negarsi il diritto alla casa, sia dei proprietari, in particolare dei piccoli proprietari, che in questa fase di crisi economica perdono una parte importante di reddito aggiuntivo”.

“Per ciò che attiene l’Umbria – dice l’assessore –  il quadro è più articolato: nel 2013, le sentenze di sfratto ammontano a 1102, di cui 1065 (96,64 per cento) per morosità, mentre le richieste di esecuzione sono state 795 (72,14 per cento), di cui 506 eseguite dalle forze dell’ordine. I provvedimenti di sfratto per finita locazione sono stati a Perugia 23 (5 nel resto della provincia), a Terni 9 (nessuno nel resto della provincia); gli sfratti per morosità sono stati 435 a Perugia (260 nel resto della provincia), 287 a terni (83 nel restante territorio provinciale). Mentre sono stati 353 gli sfratti eseguiti a Perugia, 153 a Terni”.

Il rapporto con i dati regionali del 2012 , invece, mostra segnali di miglioramento: “Le richieste di sfratto, infatti, calano del 20,78per cento, rispetto al 2012, così come le richieste di esecuzione che diminuiscono del 23,19 per cento. Complessivamente i provvedimenti di sfratto emessi a Perugia sono diminuiti del 26,52 per cento e a Terni del 6,88 per cento.

“Nonostante l’aumento del 3,05 per cento degli sfratti eseguiti nel 2013 – evidenzia Vinti –  l’Umbria si pone in controtendenza con l’andamento della media nazionale, diventando la quarta regione per riduzione dei provvedimenti di sfratto emessi, la terza per richieste di esecuzione”. “Questi dati positivi – afferma –  depongono a favore dell’impegno profuso dalla Giunta regionale dell’Umbria per contrastare l’emergenza abitativa crescente anche se, purtroppo, il quadro resta preoccupante e, per certi versi, drammatico. Per questo è necessario attivare ulteriori provvedimenti a sostegno del diritto alla casa, di supporto agli inquilini che subiscono una richiesta di sfratto causata da morosità incolpevole e in difesa dei

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*