RACCOLTA FIRME PER LA DIFESA DELLA COSTITUZIONE

images (1)(umbriajournal.com) Il giorno 18/06/2013 a Spoleto il Direttivo di Città Nuova ha aperto alle forze politiche e socio culturali della città, nonché alla presenza di Amelia Rossi, in rappresentanza di Flavio Lotti, Coordinatore Nazionale della Tavola della Pace, come da ordine del giorno, che tiene conto della manifestazione organizzata dal centro in consiglio Comunale in occasione della Festa della Repubblica, intende proporre iniziative pubbliche in difesa della Costituzione Italiana.

Di seguito viene riportato il verbale della riunione stessa riferentesi a tale argomento: “per quanto riguarda le problematiche derivanti dalla revisione della Costituzione, il Presidente Luigi Sammarco dice che Città Nuova è preoccupata per le derive che possono innestarsi nella revisione Costituzionale, facendo riferimento alla denuncia dei Comitati Dossetti per la Costituzione. Città Nuova vuole uscire con un sostegno alla Costituzione che in base all’articolo 138 non prevede la possibilità di modifiche da parte di un governo, che rappresenta solo una parte, peraltro pro tempore.

Preoccupano gli interventi delle forze dell’ordine, a Terni e Pomigliano d’Arco, lo svuotamento del ruolo del Parlamento con l’uso indiscriminato dei decreti leggi, le espressioni di razzismo da parte di rappresentanti delle Istituzioni, il populismo che si va diffondendo. E’ necessario ribadire che la nostra è Repubblica Democratica Parlamentare e non presidenziale , tramite un incontro pubblico da preparare per il prossimo autunno, coinvolgendo possibilmente qualche Costituzionalista di rilievo come il Prof. Mauro Volpi dell’Università di Perugia. Onelio Gasperini, Presidente del Comitato, “Difendere e Diffondere la Costituzione” interviene sottolineando che le Costituzioni degli altri Paesi sono funzionali alle realtà che le esprimono (il sistema Francese è funzionale alla realtà francese, quello tedesco alla realtà della Germania).

Ponziano Taboriti (IDV) interviene sostenendo la necessità di un Referendum per non toccare la Costituzione, perché individua nella volontà di cambiamenti costituzionali una manifestazione dei poteri forti che hanno sempre determinato le scelte basilari della politica Italiana. Leo Giacobbe, direttore del carcere di Spoleto, parla di conflitto d’attribuzione e della necessità di rivolgersi alla Corte Costituzionale per l’immodificabilità dell’articolo 138. Seguono gli interventi di Maura Coltorti (PRC) e di Fiorella Campana (PSI) che si dichiarano contrarie al Presidenzialismo. Alessandra Massari (SEL) e Juri Cerasini (PD) pur se assenti, aderiscono al gruppo di lavoro. Il presidente Luigi Sammarco, decide la riconvocazione della seduta per il prossimo mese di settembre ed esprime la volontà di impegnarsi per una sensibilizzazione della cittadinanza sul problema, promuovendo una raccolta di firme e iniziative collaterali.

La raccolta firme avverrà sabato 6 luglio alle 17 in Piazza Garibaldi. Aderiscono oltre a Città Nuova, Cittadinanzattiva, Legambiente, Sel, Prc, Socialisti, Azione Civile, esponenti del PD, Comitato per la Costituzione, CGIL

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*