Perugia cardioprotetta, inaugurata colonnina defibrillatore percorso verde

La colonnina salvavita inaugurata dal sindaco Andrea Romizi, c'era anche il consigliere Carmine Camicia

Perugia cardioprotetta, inaugurata colonnina defibrillatore percorso verde
Inaugurata la colonnina salvavita

Perugia cardioprotetta, inaugurata colonnina defibrillatore percorso verde. Questa mattina, presso il Percorso Verde di Pian di Massiano, il Sindaco Andrea Romizi e il Consigliere delegato al Progetto Cuore Carmine Camicia hanno inaugurato una colonnina salvavita con defibrillatore, donato dalla Banca di Mantignana. Un altro defibrillatore è stato installato, subito dopo, all’interno del Bocciodromo, grazie alla donazione fatta al Comune da parte dell’associazione Cuor di Leone, che crede fermamente nel Progetto Cuore. Un ulteriore defibrillatore è stato donato dall’associazione “bici cuore diabete” al dirigente scolastico dell’istituto Pieralli. Oggi è stata una giornata all’insegna del Cuore e tantissimi cittadini hanno partecipato all’evento.

Sono intervenuti all’iniziativa il Presidente della banca di Mantignana ed il Presidente onorario Antonio Marinelli, mentre l’associazione bici cuore diabete era rappresentata dai gemelli Panichi. Ha partecipato anche l’associazione cuor di leone, rappresentata dal sig Mosconi Quartilio. All’evento hanno partecipato anche alcuni membri del Cives, che, nel corso dell’evento, hanno effettuato una simulazione di arresto cardiaco con utilizzo del DAE. Il Sindaco e il Consigliere delegato Carmine Camicia hanno confermato che il progetto cuore andrà avanti: l’obiettivo, infatti, è quello di collocare colonnine salvavita in tutti i quartieri cittadini. Il Consigliere Camicia ha reso conto che le prossime tappe del progetto saranno Montelaguardia e Ponte San Giovanni. Nel frattempo, oltre all’installazione di colonnine salva vita, continua il percorso formativo degli Angeli del Cuore. A questo proposito, sino ad oggi, sono stati formati, oltre al primo cittadino, oltre mille perugini.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*