L’EMPORIO DELLA SOLIDARIETÀ SAN GIORGIO A FORUM PA

emporio(umbriajournal.com) CITTA’ DI CASTELLO – Contrasta lo spreco inutile o lo fa usando la tecnologia: così l’emporio della solidarietà San Giorgio di Città di Castello si è meritato la qualificata platea del Forum Pa, manifestazione in corso a Roma e principale evento nazionale per le pubbliche amministrazioni. Al centro dell’interesse di Forum Pa infatti è stata infatti la smart card, che serve per acquistare beni alimentari di prima necessità e prodotti per l’igiene nell’emporio, come fosse un vero e proprio supermercato. La logica della carta è quella del bancomat anche se è caricata non con denaro ma con punti, assegnati da una commissione sulla base del reddito e di altri criteri. Nello spazio dedicato alle regioni che hanno attivato l’Agenda digitale, l’Umbria ha selezionato anche il progetto dell’ambito sociale dell’Alto Tevere della smart card dell’Emporio San Giorgio, di cui ha parlato Giuliana Zerbato, membro del gruppo di valutazione dell’emporio, illustrando il concorso di soggetti pubblici e privati che ne permette il funzionamento grazie alle quantità di merci che la grande distribuzione mette a disposizione e i volontari della Caritas che si occupano della gestione. “Città di Castello e l’ambito sociale dell’Alto Tevere aprendo il primo emporio della solidarietà in Umbria hanno indicato una strada per superare alcune rigidezze del welfare e insieme lanciare un messaggio più generale contro lo spreco inutile e per un consumo solidale” dichiara con soddisfazione per il riconoscimento ottenuto Andreina Ciubini, assessore alle Politiche sociali di Città di Castello, in quanto comune capofila, “Auspichiamo che altri comuni seguano questa nostra positiva sperimentazione”. Attualmente 360 famiglie hanno ricevuto la smart card e quasi 1500 han-no fatto domanda per l’assegnazione. L’emporio di trova in via XI settembre nel quar-tiere di San Giacomo.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*