Donano ottomila euro ai bambini malati, gli sposi Chiatti e Bocci visitano la stuttura Chianelli

Dopo poche settimane dal loro matrimonio, due personaggi molto conosciuti del mondo dello spettacolo, Laura Chiatti e Marco Bocci, hanno mantenuto fede all’impegno che avevano preso, facendo visita in forma privata al Residence Chianelli e poi alla S.C. di Oncoematologia Pediatrica. del S.Maria della Misericordia. La giovane coppia si è intrattenuta con i piccoli pazienti e con il personale medico ed infermieristico. La visita è rimasta assolutamente riservata (è avvenuta nell’ultimo fine settimana) per evitare che un gesto di solidarietà assumesse significati diversi: Laura e Marco hanno chiesto ed ottenuto che non venissero convocati fotografi e cineoperatori.

Laura Chiatti non è alla sua prima visita all’Ospedale di Perugia: “Noi le vogliamo bene come persona, perché la conosciamo da diversi anni, ed abbiamo avuto la conferma che la notorietà ed il successo non hanno scalfito il suo essere rimasta una donna semplice, piena di valori, un’amica del Comitato Chianelli e della Struttura di oncologia pediatrica”, ricorda Franco Chianelli, che assieme alla moglie Luciana, ed ad un ristretto gruppo di volontari ha accompagnato i due attori nella visita al Residence e ai giovani pazienti.

I due sposi hanno consegnato al Comitato Chianelli un assegno di 8 mila euro, come segno tangibile di vicinanza e solidarietà verso chi soffre. “Era l’impegno che avevano preso il giorno del loro matrimonio e lo hanno mantenuto: donare le offerte ricevute in sostituzione dei regali di nozze” – aggiunge Franco Chianelli.

Come era prevedibile i due giovani sposi, che hanno deciso che il loro primogenito nascerà presso l’Ospedale di Perugia , si sono sottoposti con grande disponibilità alle fotografie di rito con tutti i pazienti che hanno incontrato nella loro visita. L’attrice ed il marito hanno ribadito con forza di voler continuare il loro impegno nel mondo della solidarietà, a fianco del Comitato Chianelli.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*