Primi d'Italia

Da Mantignana donati 10.250 euro per rendere gratuita la mensa agli studenti di Amatrice

Oltre mille persone che hanno partecipato all'iniziativa di solidarietà "Un'Amatriciana per Amatrice", consistente in due cene di beneficenza

Franco Baldelli tra gli organizzatori di Un'Amatriciana per Amatrice

Da Mantignana donati 10.250 euro per rendere gratuita la mensa agli studenti di Amatrice CORCIANO – Un aiuto concreto alla popolazione di Amatrice. È quanto arrivato dal territorio di Mantignana di Corciano grazie alle oltre mille persone che hanno partecipato all’iniziativa di solidarietà “Un’Amatriciana per Amatrice”, consistente in due cene di beneficenza che si sono svolte presso il locale Circolo Arcs. L’incasso delle due serate, promosse dall’associazione del presidente Fabio Marinelli insieme al Comune di Corciano, è stato totalmente devoluto a favore di una delle popolazioni colpite dal recente sisma.

 

“Siamo andati per la seconda volta ad Amatrice”, racconta Franco Baldelli, assessore alle politiche scolastiche del Comune di Corciano. “Abbiamo parlato con la dottoressa Anna Maria Pitone, preside dell’istituto onnicomprensivo locale, con cui avevamo appuntamento – prosegue – e gli abbiamo consegnato la seconda parte della somma che è stata complessivamente di 10.250 euro. Una cifra molto importante che in accordo con il sindaco Sergio Pirozzi, con cui ci siamo incontrati la prima volta, è stata utilizzata per rendere gratuito il servizio mensa per gli studenti che frequentano le scuole di Amatrice. Sono stato accompagnato da Fabio Marinelli e da Fosco Fiandra, rispettivamente, presidente e membro del circolo Arcs di Mantignana. Con loro abbiamo organizzato un’iniziativa che ha avuto un riscontro importante coinvolgendo e motivando molte persone ad uscire di casa per mangiare una amatriciana sapendo così di sostenere quei territorio duramente colpiti dal sisma. Anche in questa occasione, analogamente a quanto avvenuto la prima volta, tutto il ricavato della cena è stato donato ad Amatrice. Il materiale usato per cucinare è stato acquistato o donato da alcune aziende. Questa rete di solidarietà conferma come il territorio di Mantignana e quello del comune di Corciano siano tra i più attenti e sensibili  a questo genere di iniziative”.

 

“In occasione dell’incontro – prosegue Baldelli – abbiamo avuto la possibilità di avere un quadro rapido della situazione e quali sono le dinamiche difficile e complesse che a volte caratterizzano i ragazzi che vivono una situazione complicata. Nello stesso tempo ci ha fatto piacere sapere che la rete di solidarietà nazionale è stata importante. Risorse significative sono confluite in quei territori. Ora devono essere rapidamente utilizzate per ripristinare quelle condizione di normalità che sono saltate per effetto del sisma e a causa di quello che è stato uno degli inverni più freddi e difficili che ha caratterizzato quelle zone. Questo – conclude Baldelli – ha reso più complicato l’inizio dell’attività di ricostruzione”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*